MENU
La stanza di Carla logo

LA STANZA DI CARLA | Aterballetto. Un gradito benvenuto.

La stanza di Carla logo

LA STANZA DI CARLA | “Igra” di Kor’Sia

26 luglio 2022 Commenti disabilitati su COMMUNICATING DANCE | Aterballetto. The language of love | “Shoot me” by Tortelli and “Secus” by Naharin ENG/ITA Views: 241 Multimedia, News, Photo Gallery, Photo Gallery | Riccardo Panozzo, Read, Reviews

COMMUNICATING DANCE | Aterballetto. The language of love | “Shoot me” by Tortelli and “Secus” by Naharin ENG/ITA

LA VERSIONE ITALIANA SEGUE QUELLA INGLESE.

ENG | Operaestate Danza – Dedicato a Canova, 22 of July 2022, Teatro al Castello | Aterballetto

Diego Tortelli’s Shoot Me literally strikes at the heart: a secular prayer of melodic gestures, a tender-hearted narration, a close-knit assemblage of breathing bodies that fray into rows, curve into circles, congregate in clusters; flitting figures which evoke feathers or perhaps a chieftain’s fully-plumed headdress. The dancers trace out erotic circlets by poking cou de pied into the air, entwining knees and shoulders together in a languid invitation to pleasure. Diagonal bodies pulsate on all fours whilst Jim Morrison’s ethereal, faltering voice intones: “Bird of prey, bird of prey, flying high, flying high, in the summer sky…”. A shower of hands is offered in a gracious bow to the audience: what are they offering, what are they asking for?

Ohad Naharin’s Secus subsequently shatters the mass compactness of Tortelli’s choreography, scattering their bodies in space. Even their attire is brighter. The movement is less uterine, more lucid, analytical, decisive. The music is assaulted by background interference. The dancers engage in marvellous group variations; aerial whirls and dizzying curvets. Bodies are in dialogue too; in duos, in trios. The most intense of these was the male-to-male love duet, a Simoom from the Middle-East, conveying esoteric riches, their twirling hands and fingers seeming to echo niqqud diacritics in Hebrew scrolls.

Secus culminates in an extreme piece of drama. The dancers form themselves in three rows and, one-by-one, turn their sides to the audience. They cross each other at the edge of the stage, provoking the spectators with deforming and converging gestures: at first showing the backs of their hands, then their palms, then clenched fists striking their foreheads in a display of grief, mourning, despair. These gestures become increasingly vexed, aggressive, belligerent; expressions of being wounded, an apprehension of conflict, war, death. Yet after that broad gestures of welcome conciliate us several times as a warm embrace, only to chill and retreat back into a frightened, defensive stance.

Aterballetto’s dancers allow themselves to be straddled by these two contrasting choreographic languages, maintaining to the last an intact, flawless mastery, bordering on perfection itself.

“…Take me on your flight.”

Anna Trevisan

English translation by Jim Sunderland

Cover image:  Operaestate Danza 2022 | Aterballetto in “Shoot me” by Diego Tortelli.

Photo by Riccardo Panozzo

  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Shoot me" di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto in "Secus" di Ohad Naharin. Foto di Riccardo Panozzo
  • Operaestate Danza | Aterballetto

ITA | Operaestate danza – Dedicato a Canova | Teatro al Castello, 22 luglio 2022 | Aterballetto in “Shoot me” di Diego Tortelli e “Secus” di Nohad Naharin. Dopo il fotoracconto di Riccardo Panozzo, ecco il racconto di Anna Trevisan.

Aterballetto | Le lingue dell’amore

Colpisce letteralmente al cuore Shoot me di Diego Tortelli: una preghiera laica di gesti melodici, una narrazione sentimentale, un affiatato respiro di corpi che si sfilacciano in righe, si incurvano in cerchi, si accorpano in grappoli, danzando figure che evocano penne di uccello o forse copricapi di tribù indiane. I danzatori disegnano circuiti erotici lanciando in aria i “cou de pied”, che legano insieme ginocchia e spalle in un languido invito al piacere. Corpi in diagonale pulsano a carponi mentre scorre la voce ultraterrena di Jim Morrison: “Bird of prey, bird of prey, flying high, flying high, in the summer sky…”. Una pioggia di mani viene offerta in un inchino al pubblico: che cosa offrono, che cosa chiedono?

“Secus” di Ohad Naharin sparpaglia la massiva compattezza corale dei danzatori creata da Tortelli, disseminando i loro corpi nello spazio. I colori dei vestiti di scena sono più accesi. La coreografia è meno uterina, più lucida, analitica, decisa. La musica è sbriciolata da interferenze di fondo. I danzatori si profondono in meravigliosi assoli di gruppo, con avvitamenti aerei e salti vertiginosi. Sul palco accadono anche dialoghi tra corpi, a gruppi di due, a gruppi di tre. Il più intenso è il duetto d’amore tutto al maschile, con movenze dal sapore quasi mediorientale, che custodisce un erudito tesoro di gesti, con svirgolate di mani e dita che ricordano i “nikkud” della scrittura ebraica.

Uno dei momenti drammaturgicamente più intensi di Secus arriva alla fine, quando i ballerini si dispongono in tre file e, uno dopo l’altro, mostrano il fianco al pubblico. Si incrociano a bordo palco, sputando addosso agli spettatori gesti difformi e convergenti: ora mostrando il dorso delle mani, ora i palmi inermi delle mani, ora pugni che percuotono la fronte in segno di dolore, di lutto, di compianto. I gesti si fanno sempre più aggressivi, concitati, bellicosi, evocano un immaginario ferito, sanno di guerra, conflitti, morti. Un largo gesto di benvenuto ci abbraccia più volte per poi ritrarsi in spaventata posizione di difesa.

I danzatori di Aterballetto si lasciano attraversare dai due diversi linguaggi coreografici mantenendo fino all’ultimo una maestria intatta, ineccepibile, al limite della perfezione.

“…Take me on your flight.”

Anna Trevisan

Foto di copertina: Operaestate Danza 2022 | Aterballetto in “Shoot me” di Diego Tortelli. Foto di Riccardo Panozzo

 

Operaestate Danza | 22 Luglio 2022, ore 21.20, Teatro al Castello "Tito Gobbi"
ATERBALLETTO

SHOOT ME
Coreografia Diego Tortelli
Musica Spiritualized
Costumi Marco De Vincenzo
Luci Roman Fliegel
Produzione Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto
Coproduzione Fondazione I Teatri di Reggio Emilia
SECUS
Coreografia Ohad Naharin
Musiche/ programma Chari Chari, Kid 606 + Rayon (mix: Stefan Ferry),
AGF, Chronomad (Wahed), Fennesz, Kaho Naa Pyar Hai, Seefeel, The Beach Boys
Sound design & editing Ohad Fishof
Costumi Rakefet Levy
Luci Avi Yona Bueno (Bambi)
Assistenti alla coreografia Rachael Osborne, Ian Robinson
Produzione Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto
Coproduzione Festival Oriente Occidente (I), Les Halles de Schaerbeek (B),
Malraux scène nationale Chambéry Savoie (F)

Tags: , , ,

Comments are closed.