MENU

NUOVI SGUARDI | Why are you laughing? | Come...

NUOVI SGUARDI | Beyond ballet shoes. “Siren dance” by...

6 settembre 2019 Commenti disabilitati su Where children are, there is a golden age | Mini BMotion Danza 2019 | Editorial ENG/ITA Views: 156 Dancing Kids, Editoriale, In depth, Interviews, Multimedia, News, Photo Gallery, Posts, Read

Where children are, there is a golden age | Mini BMotion Danza 2019 | Editorial ENG/ITA

Il testo italiano segue quello inglese, dopo la photo-gallery.

 

“Where children are, there is a golden age”

Novalis, Blüthenstaub-Fragmente (Fragment 97,1798)

ENG | Ought not ‘the right to dance’ be listed under Maria Montessori’s “social rights of children”? Who knows what that acute Italian pedagogist and humanist, renowned throughout the world, would have said if she was able to observe these children dance around a museum of a small provincial town; see their eyes peeking from the audience, sitting in the front row, taking in these performances of contemporary dance which are sown throughout the locality.Perhaps, to explain what the Mini BMotion Danza project is all about, one could paraphrase Montessori, replacing her words referring to music with phrases referring to dance:

“…attempts have already been made to reach the populace by concerts [dance performances] in the public squares and by making concert halls [dance spaces] accessible to people of every class; but after all, do such attempts amounts to more than putting the cheap editions of the classics into circulation among illiterates? Education is the prime requisite; without such education we have a people of deaf mutes [immobile people] forever barred from any music [dance].”

After all, Mini BMotion is a sort of social experiment, trying to educate children in contemporary dance through participation in dance classes led by dancers and choreographers of international stature; affording them the opportunity to watch experimental dance performances; encouraging their feedback through drawing; giving them the experience of one of the most enterprising and unconventional dance festivals in the world.

We looked around the Mini BMotion Danza classes, just as we did last summer, attending the lessons, documenting them photographically, collating all the kids’ drawings. Then we interviewed their teachers: Camilla Monga and Roberta Racis (from Italy), James Batchelor (from Australia). To paraphrase the great Italian designer Bruno Munari, if one pictures some old lady making scary faces at the kids or uttering the usual infantilising sounds of inducement, then that is the absolute opposite of a Mini BMotion class. Here the children are taken extremely seriously.

Here are our interviews and photo-gallery.

 

  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Schismogenesis" by Tony Tran & Antero Hein
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Fondazione Pirani Cremona
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo
  • Mini BMotion Feedback 2019 | "Dances", Ca Erizzo

 

“Dove ci sono bambini c’è un’età dell’oro”.

Novalis, Fragmenti (Frammento 737, 1798)

 

ITA | Chissà se tra i “diritti sociali dei bambini”, come scriveva la neuropsichiatra infantile e pedagogista italiana Maria Montessori, va contemplato anche il diritto alla danza. Chissà che cosa direbbe questa fine scienziata e umanista conosciuta in tutto il mondo nel veder danzare dentro al museo di una piccola città di provincia dei bambini; nel vederli fare capolino tra il pubblico, seduti in prima fila ad assistere alle performances e agli spettacoli di danza contemporanea disseminati in città.

Forse, per raccontare che cos’è il progetto Mini BMotion Danza, si potrebbe parafrasare proprio una frase della Montessori, sostituendo alle parole “musica” e “musicale” le parole “danza” e “coreutico”:

“Si cerca di mettere a portata del popolo la musica [“la danza”], coi concerti nelle pubbliche piazze, o col rendere sempre più accessibili a ogni classe sociale le sale dei concerti. Ma tutto ciò non sarebbe forse come mettere in circolazione delle edizioni popolari di Dante, in un popolo di analfabeti? È l’educazione che occorre prima: senza essa, ecco un popolo di sordi, cui è negato ogni godimento musicale [“coreutico”].”

In fondo, Mini BMotion è una sorta di esperimento sociale, che tenta di educare alla danza contemporanea i bambini attraverso la partecipazione a classi di danza condotte da danzatori e coreografi di livello internazionale; proponendo loro di vedere spettacoli di danza sperimentale; chiedendo loro di raccontarli con disegni; facendo vivere loro attivamente uno dei festival internazionali di danza contemporanea più intraprendenti e anticonvenzionali.

Anche quest’anno siamo andate a curiosare nelle classi di Mini BMotion Danza, assistendo alle lezioni, documentandole con fotografie, collezionando i disegni dei bambini, intervistando i loro insegnanti: le italiane Camilla Monga e Roberta Racis, e l’australiano James Batchelor . Perché, restiamo convinte che se “c’è sempre qualche vecchia signora che affronta i bambini facendo delle smorfie da far paura e dicendo delle stupidaggini con un linguaggio informale pieno di ciccì e di coccò e di piciupaciù” –  come scriveva l’artista e designer italiano Bruno Munari, a Mini BMotion Danza tutto questo non accade: qui i bambini vengono presi terribilmente sul serio.

Ecco il nostro servizio!

 

  • Mini BMotion Danza 2019 | Waiting for the dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by James Batchelor

James Batchelor | Fundamentals

ENG | James Batchelor gives dance classes to children aged between 8 to 13. He is an Australian dancer and choreographer. Following his two-month Antarctic voyage to Heard and McDonald Islands as expedition artist in residence, his work subsequently focused on the intersection of the arts with science. As a performer he has worked with internationally renowned choreographers such as Iván Pérez, Anouk van Dijk (Chunky Move), Antony Hamilton, Prue Lang, Stephanie Lake and Sue Healey.

What about working with children? How was it?

Well, I’ve never worked with kids this young. What I was encouraged by was a realisation that it doesn’t need to be simplified. The actual idea is the same idea that I myself work with, as a 27-years-old professional dancer. So, the idea itself doesn’t have to be any less. It’s a case of just breaking it down and giving them all the information in layers, delivering it in a way that is accessible for any age group. That is really valuable for me, because it makes me more aware of what all the layers are. Sometimes I just take for granted all those basic steps that I took to get to where I now am. It forces me to go back and ask “what are the very basics of this idea?” because they need all the fundamental things to be explained and not skipped over. With older kids maybe you could skip certain things but with this age group you really have to be diligent about all of the layers.

 

ITA | James Batchelor ha condotto classi di danza con bambini di età compresa tra gli 8 e i 13 anni. È un danzatore e coreografo australiano. Dopo aver partecipato come artista in residenza alla spedizione di due mesi nel cuore dell’Antartico e nelle Isole MCDonalds, il suo lavoro si è focalizzato sull’intersezione tra scienza ed arte. Come performer ha lavorato con numerosi nomi della scena internazionale. Tra gli altri: Iván Pérez, Anouk van Dijk (Chunky Move), Antony Hamilton, Prue Lang, Stephanie Lake and Sue Healey.

Come è stato lavorare con bambini?

Non ho mai lavorato con bambini così piccoli. Mi hanno aiutato a mettere a fuoco che non c’è bisogno di semplificare. Quest’idea è la stessa sulla quale lavoro io stesso, come danzatore professionista di 27 anni. Ecco, l’idea di base non è nient’altro che questa. Si tratta solo di fare in modo che tutte le informazioni arrivino, a tutti i livelli, rendendole accessibili. Questo per me è ciò che conta davvero, perché mi rende più consapevole di che cosa sono in effetti i livelli, gli “strati” del lavoro.

A volte tendo a dare per scontato dei passi di base che io ho già compiuto per poter arrivare ad esser quello che sono oggi. Allora sono costretto a tornare indietro e a chiedermi: “Qual è la cosa fondamentale, essenziale di quest’idea?” – perché i bambini hanno bisogno di sentirsi spiegare le cose fondamentali, le cose essenziali, senza saltare nessun passaggio. Con bambini più grandi forse puoi permetterti di saltare alcuni passaggi, ma con loro no: devi assolutamente svolgere e spiegare ogni livello.

 

  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Camilla Monga
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Camilla Monga
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Camilla Monga
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Camilla Monga
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Camilla Monga
  • Mini BMotion Danza 2019 | Kids seeing the performance by Carolyn Bolton

Camilla Monga | Codifying dance

ENG | Camilla Monga gives dance classes to children aged between 8 to 10. She studied with Lucinda Childs and Michele Di Stefano at Accademia Paolo Grassi in Milan, progressing to the Ecole Supérieure des Arts Saint-Luc in Brussels as well as Brera Academy of Fine Arts in Milan. Among others, she has worked with Ariella Vidach, Romeo Castellucci Societas, Anne Teresa de Keersmaeker, Bojana Cvejic, Thierry De Mey. Her work as a choreographer is highly attentive to the relationship between sound and movement. Many of her creations evolved out of collaborations with musicians.

What was it like working with children? How did you organise the lessons?

I worked on choreographic creation with them, trying to encourage their creativity — which to be honest, despite being really young, they already have in abundance — to be able to codify their movement in a new way, something that belonged exclusively to them, to their everyday lives.

So did you propose the creation of a choreographic notation system? How did you achieve that?

I suggested it as a game, getting the children to draw a picture. First they design an action in a sequence. Then they added the coordinates of space and time, turning it into actual choreography. It’s the principle of a cartoon. Certainly graphics are a way to build a choreographic notation system. It was used by Rudolf Laban and other great dancers.

In dance there is no single notation system, even for us adults. There’s a great deal of freedom in this regard because it’s not indispensable in our work, however, it is very useful, above all to attest and promulgate dance moves: it’s a method to convey a choreography to others.

You also let them experience different musical ‘temperatures’ during your lessons: classical music, rock, pop…

Yes, from sketching out the choreography we then switched to listening to music; its different moods, the diverse tempos, the varied scores. They were inspired enough by these musical influences to revise their choreography, to add variations, dancing in many different ways, based on the soundtrack.

 

ITA |  Camilla Monga ha condotto le classi di danza con bambini di età compresa tra gli 8 e i 10 anni. Ha studiato con Lucinda Childs and Michele Di Stefano all’Accademia Paolo Grassi di Milano, perfezionandosi all’Ecole Supérieure des Arts Saint-Luc Bruxelles e all’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. Ha lavorato, tra gli altri, con Ariella Vidach, Romeo Castellucci Societas, Anne Teresa de Keersmaeker, Bojana Cvejic, Thierry De Mey. il suo lavoro di coreografa è molto attento al rapporto tra suono e movimento. Molte delle sue creazioni sono nate dalla collaborazioni con musicisti.

Come è stato lavorare con i bambini? Come hai organizzato le lezioni?Con i bambini ho lavorato sulla creazione coreografica, cercando di incoraggiare la loro creatività – che a dire il vero, pur così piccoli, hanno già in abbondanza- per riuscire a codificare il movimento in un modo nuovo, che appartenesse solo a loro, al loro quotidiano.

Quindi hai proposto loro di creare un sistema di notazione coreografica? Come hai fatto?

Ai bambini l’ho proposto come un gioco, chiedendo loro di fare un disegno. Prima hanno disegnato un’azione in sequenza. Poi hanno aggiunto le coordinate di spazio e tempo, trasformandolo in una vera e propria coreografia. È un po’ il principio del cartone animato. La grafica è sicuramente un modo per costruire un sistema di notazione coreografica. È stata usata da Rudolf Laban e da altri grandi della danza.

Nella danza non esiste un unico sistema di notazione, anche per noi adulti. C’è molta libertà in merito, perché nel nostro lavoro non è indispensabile ma è molto utile, soprattutto per testimoniare e divulgare una coreografia: è un metodo per trasmettere agli altri una coreografia.

Hai fatto loro sperimentare anche diverse “temperature” musicali durante le tue lezioni: musica classica, musica rock, musica pop…

Sì, dal disegnare la danza siamo poi passati ad ascoltare la musica, le sue diverse atmosfere, i suoi diversi tempi, le sue diverse partiture. I bambini si sono lasciati ispirare da queste suggestioni musicali per modificare la propria coreografia, per fare delle variazioni, danzandola in tanti modi diversi, in base alla colonna sonora.

 

  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
    Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
  • Mini BMotion Danza 2019 | Dance class led by Roberta Racis
  • Mini BMotion Danza 2019 | Camilla Monga e Roberta Racis

Roberta Racis | Crescendo

ENG | Roberta Racis gives dance classes to children aged between 11 to 13. She is an Italian dancer and choreographer with numerous professional collaborations to her credit. Amongst others: Alessandro Sciarroni (Golden Lion for Dance 2019), Chris Haring, Itamar Serussi Sahar, Paolo Mangiola, Francesca Pennini, Chiara Frigo, Giorgia Nardin. As a dancer, she worked for the Rome Ballet. She learnt her craft at La Raffinerie (the Brussels branch of Charleroi Danses) and Danscentrumjette, and in Italy at the Balletto di Toscana.

What was it like working with these young girls? What method did you use? What were your expectations and what actually happened?

They were intense days. Mine is a tight method. I have my own intrinsic severity, which I try to convey together with the pleasure of dance. Usually, in Mini BMotion classes, I chose to convey technical elements; release technique, ground work, to get them closer to the vocabulary of contemporary dance in general. On top of that I advanced exercises in an improvisational and choreographic key, leaving them the space to affirm whatever they found useful from the language provided. It’s really very rewarding to see how much they manage to absorb in only a few days, what an adult might absorb after a month.

For your last dance class, open to parents, you chose Ravel’s Bolero. Why?

Because I love the score, and also because I like the idea of ‘accumulation’ that is contained within this piece. The music builds-up in Ravel; in the choreography I suggested that the girls build-up their dance skills, a crescendo…!

 

ITA | Roberta Racis ha condotto classi di danza con bambini tra gli 11 e i 13 anni di età. È una danzatrice e coreografa italiana che ha al suo attivo numerose collaborazioni. Tra gli altri: il Leone d’Oro per la danza 2019 Alessandro Sciarroni, Chris Haring, Itamar Serussi Sahar, Paolo Mangiola, Francesca Pennini, Chiara Frigo, Giorgia Nardin. Come danzatrice, ha lavorato per il Balletto di Roma. Si è formata in Belgio a La Raffinerie / Charleroi Danse e DansCentrum Jette, e in Italia, alla scuola del Balletto di Toscana.

Come è stato lavorare con queste bambine? Quale metodo hai usato? Che cosa ti aspettavi e che cosa è successo?

Sono stati dei giorni intensi. Il mio è un metodo serrato. Ho una mia severità intrinseca, che cerco di trasmettere insieme al piacere della danza. Solitamente nel percorso di formazione con i danzatori di Mini BMotion scelgo di trasmettere degli elementi di tecnica: release tecnique, lavoro al suolo, di farli avvicinare al vocabolario della danza contemporanea in generale. E poi propongo anche dei materiali in chiave improvvisativa e coreografica, per lasciare spazio anche a loro e per poter verificare che cosa rimane loro della trasmissione di questo linguaggio. È sempre molto bello vedere come loro assorbano in pochi giorni quello che un adulto assorbe in un mese.

Per la tua ultima classe di danza, aperta ai genitori, hai scelto di far danzare loro il Bolero di Ravel. Perché?

Perché amo la partitura e poi perché mi piace l’idea di “accumulazione” che contiene questo brano. In Ravel c’è un’accumulazione musicale; nella coreografia che ho proposto alle bambine c’è un’accumulazione di materiali coreutici, un crescendo…!

Testi,  foto e interviste di Anna Trevisan

English translation by Jim Sunderland

 

Tags:

Comments are closed.