MENU

Performing Gender | Dancing beyond. Video and photo gallery...

From Dance to Words: the polyphonic glossary of Migrant...

18 luglio 2019 Commenti disabilitati su MIGRANT BODIES – Moving Borders | final symposium ENG/ITA Views: 672 In depth, Migrant Bodies, News, Photo Gallery, Projects, Read

MIGRANT BODIES – Moving Borders | final symposium ENG/ITA

Segue testo in Italiano dopo la foto gallery

It was only February 2018 when the project Migrant Bodies-Moving Borders started: four countries involved in investigating contemporary dance as a human right and as a means for social cohesion and cultural inclusion. The project, supported by the EU Creative Europe Programme, has seen four dance artists researching new practices that could break down barriers while at the same time building a common language. After two years the partners – CSC Centro per la Scena Contemporanea (Italy), La Briqueterie centre de développement chorégraphique Val-de-Marne (France), D.ID Dance Identity (Austria) and HIPP Hrvatski Institut za Pokret i Ples (Croatia) – have presented the first final results in a Symposium held in Bassano del Grappa on July 12th and 13th, 2019.

Two days introduced, surrounded and imbued with dance, as it was the best way to really demonstrate the results of these cultural interactions, sharing, learning and mutual understanding. A 1hour dance class started the day among the works of art of the Civic Museum of Bassano: Selamawit Biruk (Ethiopia), Lamin Suno (Gambia), Bita Bell (Iran) and Sangeeta Isvaran (India) connected the participants first to their body, warming it up, and then to each other, greeting, presenting and interacting with the new mates of this artistic body journey. In the afternoon the dance practice was carried on even further by the four dance artists entitled by the project: Žak Valenta (Croatia) and Andrea Rampazzo (Italy) challenged the participants memorizing sequences and playing with distances, while Jordi Galí (France) grouped these connections creating a human body constellation that Katharina Senk (Austria) brought out into the city with a body walk ended in an explosion of energy and good vibes.

With the guide of Monica Gillette – editor, choreographer and dramaturg – the symposium of the first day was then focused on confronting the different experiences faced by the four partners of the project Migrant Bodies and their dance artists, while the second day presented the digital publication and the film produced as evidence of this two-year journey [www.migrantbodies.eu]. The starting point for Roberto Casarotto (CSC Centro per la Scena Contemporanea) was the statement that «dance is a human right», and as dance is connected to our body, thus it is also to our society. Through dance you get to meet people sharing time and common spaces, and this creates connection. In Bassano the dance classes have been developed from the experience gained through the Dance Well project, started with Parkinson’s people spread then to people with Cancer, and now to visually impaired, always with the idea of «learning by doing». Another key point has been the location of the dance classes: the choice of a museum has given ownership to the citizens, life to the artistic heritage, and it has opened new perspectives come from the use of the body with its movements and its variety of cultural legacy.
In Austria, specifically in Burgenland, Liz King (D.ID Dance Identity) has been working for fifteen years with unaccompanied minor refugees, collecting them once a week so that they passed the word making the practice bouncing into other groups. Again it’s important the location, to bring someone out of his/her habitual space, but it’s also very important to consider the need of giving back, to be hosted, to know where and how they live, to be a new «family». Situation completely different and very displaced instead in Croatia, a «gateway to Europe», as Mirna Zagar (HIPP Croatian Institute for Movement and Dance) shows. Where politics is so involved and controlling, the dance artists have proposed classes in the streets of Zagreb to draw the attention of the passers-by. Here the breaking point has been identified in the kids, in their curiosity and still intact need to play. Even in France children were the first to participate to the dance practices, while adults stood studying what was going on. Elisabetta Bisaro (La Briqueterie centre de développement chorégraphique Val-de-Marne) tells that despite the presence of a Migrant Shelter Center close to Paris there have been several unexpected accidents which made them realize what a challenge could be to create a social space through dance and a practice that shift the perspective.

The four dance artists involved have tried to conceive facilitating practices to create a new ground of encounter: «dance first, think later» has been their guideline through this journey. For Jordi Galí (France) it was important to realize that in every practice you are dealing just with a human being, an individual you can or cannot connect to. The real thing that we all have in common is our body, something we always bring with us, therefore these encounters should happen more easily through the body language. Andrea Rampazzo (Italy) underlines the importance of having had a «facilitator», someone who could help in building trust and mutual understanding. The practices then need time, the time of a farmer who waits for the seeds to grow while nourishing the ground. Speaking about time, Katharina Senk (Austria) has discovered the importance of «unstructured time», the space before class and after it, where you build encounters and connections. Žak Valenta (Croatia) instead stresses the importance of being well-informed, putting you out of your comfort zone to grasp the real information and still respecting the privacy we all need.
The body journey of these artists has been collected in a digital publication edited by Monica Gillette who has created a polyphonic glossary of 100 words defined by 50 authors to give this sense of diversity and different perspective that every concept can have. The glossary is also interspersed with essays, interviews, graphics and in-depth analysis of the personal journey of some international artists, choreographers, authors, lecturers, social workers and filmmakers [►download the publication]. And about filmmakers, the symposium of the project Migrant Bodies–Moving Borders ended the morning talks with the screening of the movie Migrant Bodies by Max Biskup (D.ID Dance Identity), an intense, delicate and amusing report of these two-year workshops [►watch the trailer].

Among other artists’ participations there were the interesting and touching talks with Sangeeta Isvaran and Bita Bell who brought their experience of facing conflicts, censorship and hierarchy finding artistic ways to «bridge the gaps». Sangeeta Isvaran bases her practices involving at different steps the physical, sensory, emotional, analytical and spiritual level, in order to «be without fear», without shame or judgment. And when life put you in front of injustice, try to resist to anger and channel it into positivity in the space of love. Bita Bell – raised in Teheran, studied in Ohio, now living in Vienna – who feels «local» only to her body, has learnt to resist to injustice performing: «doing what I do, in the place that I decide to», a choreographic space, horizontal and democratic, where Art and Creativity can transform our fears. Sangeeta too underlines the power of dance, the importance of learning and knowing its grammar but mainly the need to perform, to connect to an audience, to make it «contemporary» bringing it into society.

The afternoon left space to different artistic practices: on the first floor of Palazzo Agostinelli the students of the 4th year of the Fashion Design course – IIS A. Scotton Breganze showed their artifacts created by collecting stories of migration while together with the students of the Graphic Design course they built the logo for the T-shirts of Migrant Bodies–Moving Borders. On the ground’s the photographer Sara Lando made available paper, camera, colors, glue and scissors to let visitors create their own story-book, amusing themselves and living a trace of their artistic soul.
Space also for performances: the Italian choreographer Beatrice Bresolin presented her creation Io e l(?)oro_donne alla ricerca dell’oro, developed by her own solo shared with 16 women in swimsuit who dance with a square of fine fabric to create headgears and shelters that empower their female dignity. Late at night the Italian dance artist Andrea Rampazzo shared his final work Just Papers, realized through the workshops held in these two years with the residents of Associazione Casa a Colori and GAGA Vicenza, together with the support of Anna Bragagnolo. On stage there were Selamawit Biruk, Abdi Buule Mahamed, Precious Igbineweka, Lamin Sumo, Vittoria Caneva and Ilaria Marcolin who explore the space and the rhythm trying to find a common clap and a common ground to connect. A fragile, temporary and moving connection, a hug made precious by luminous sheets of paper that mirror the temporary light of cooperation, support and balance while waiting for those so aimed Papers [►interview]. And to relieve souls and bodies final Dance Jam Session with DJ SK Bado at CSC Garage Nardini!

Report by Lara Crippa | dance writer Migrant Bodies-Moving Borders 2017/2019

  • Sangeeta Isvaran, Monica Gillette, Bita Bell - MB2019
  • Symposium Migrant Bodies-Moving Borders 2019
  • Katharina Senk, Jordi Galí, Andrea Rampazzo, Žak Valenta - Migrant Bodies
  • Liz King, Sangeeta Isvaran, Roberto Casarotto, Bita Bell - MB2019
  • Dance Class w/ Lamin Suno - Migrant Bodies 2019
  • Dance Class w/ Andrea Rampazzo - Migrant Bodies 2019
  • Dance Class w/ Jordi Galí - Migrant Bodies 2019
  • Jordi Galí dance practice - MB2019
  • Body Walk w/ Katharina Senk - Migrant Bodies 2019
  • MB Logo IIS A. Scotton Breganze
  • Exposition IIS A. Scotton Breganze - MB2019
  • Sara Lando w/ Giovanna Garzotto
  • Workshop - Palazzo Agostinelli MB2019
  • GAGA Vicenza - MB2019
  • "Io e l(?)oro_donne alla ricerca dell’oro" by Beatrice Bresolin
  • "Just Papers" by Andrea Rampazzo
  • Dance Jam Session w/ DJ SK Bado - MB2019

 

MIGRANT BODIES – Moving Borders | simposio conclusivo

Era soltanto febbraio 2018 quando il progetto Migrant Bodies-Moving Borders iniziò: quattro paesi coinvolti nell’affermare la danza come diritto dell’umanità e come mezzo di coesione sociale e inclusione culturale. Il progetto – sostenuto dal programma Creative Europe dell’Unione Europea – ha visto coinvolti quattro “dance artists” nella ricerca di nuove pratiche che potessero rompere alcune barriere costruendo al contempo un linguaggio comune. Trascorsi due anni i partner coinvolti – Centro per la Scena Contemporanea (Italia), La Briqueterie centre de développement chorégraphique Val-de-Marne (Francia), D.ID Dance Identity (Austria) e HIPP Hrvatski Institut za Pokret i Ples (Croazia) – hanno presentato i primi risultati in un Simposio tenutosi a Bassano del Grappa il 12 e 13 luglio 2019.

Due giornate introdotte, circondate e intrise di danza come modalità migliore per dimostrare realmente il prodotto di queste interazioni culturali, condivisioni, apprendimento e comprensione reciproca. Una lezione di danza di 1 ora tra le opere del Museo Civico di Bassano dava inizio alla giornata: Selamawit Biruk (Etiopia), Lamin Suno (Gambia), Bita Bell (Iran) e Sangeeta Isvaran (India) connettevano i partecipanti prima al proprio corpo, riscaldandolo, e poi a quello altrui, salutando, presentandosi e accogliendo i nuovi compagni di questo viaggio. Nel pomeriggio la pratica faceva un’ulteriore tappa insieme ai quattro artisti dei paesi coinvolti: Žak Valenta (Croazia) e Andrea Rampazzo (Italia) stimolavano i partecipanti memorizzando sequenze e giocando con le distanze, mentre Jordi Galí (Francia) raggruppava queste connessioni in una costellazione di corpi che Katharina Senk (Austria) conduceva per la città in una “body walk” culminante in un’esplosione di energia positiva.

Il simposio poi, coordinato da Monica Gillette – dramaturg ed editor – si è incentrato nella prima giornata sul confronto tra le varie esperienze affrontate dai quattro partner del progetto Migrant Bodies e dai loro artisti, mentre la seconda giornata ha presentato la pubblicazione e il film prodotti in questi due anni di ricerche [www.migrantbodies.eu]. Per Roberto Casarotto (CSC Centro per la Scena Contemporanea) il punto d’inizio è stata la convinzione che «la danza è un diritto dell’umanità», e poiché la danza è connessa con il corpo, lo è anche alla società. Tramite la danza si incontrano persone con cui si condivide del tempo ed uno spazio comune, e questo crea legami. A Bassano le classi di danza sono state sviluppate dall’esperienza acquisita durante il progetto Dance Well, iniziato prima con persone affette da Parkinson, ampliato poi a persone con o sopravissute al Cancro, ed ora anche ai non vedenti, sempre seguendo la massima «si impara facendo». Un altro punto chiave è stata la scelta di un museo come luogo dove svolgere le pratiche di danza, perché questo ha dato un senso di padronanza ai cittadini e di nuova vita all’eredità artistica contenuta, oltre ad aprire nuove prospettive provenienti dall’utilizzo del corpo con il suo contaminato bagaglio culturale.
In Austria, nello specifico nel Burgenland, Liz King (D.ID Dance Identity) ha lavorato per quindici anni con minori stranieri non accompagnati, andando a prenderli una volta a settimana così che il passaparola è arrivato poi ad altri gruppi. Anche qui è rilevante il luogo della pratica, portare fuori dal proprio spazio abituale, ma al contempo è altrettanto importante considerare il bisogno di restituire, essere a propria volta ospitati, creare una nuova «famiglia». Realtà completamente diversa e molto dislocata quella croata, «un passaggio per l’Europa», come spiega Mirna Zagar (HIPP Istituto Croato per il Movimento e la Danza). Con una politica così coinvolta e di controllo, gli artisti hanno proposto le pratiche per le strade di Zagabria attirando l’attenzione dei passanti e coinvolgendoli. Il punto di rottura e di aggancio sono stati i bambini, la loro curiosità ed il bisogno ancora intatto di giocare. Anche in Francia i bambini sono stati i primi a partecipare alle attività di danza mentre gli adulti studiavano cosa stesse accadendo. Elisabetta Bisaro (La Briqueterie centre de développement chorégraphique Val-de-Marne) racconta come ci siano stati molti eventi imprevisti nonostante la presenza di un Centro di Accoglienza per Migranti vicino a Parigi. Questo però ha rafforzato l’idea di quale sfida ed occasione possa essere quella di creare uno spazio pubblico attraverso la danza ed una pratica che aiuti a cambiare i punti di vista.

I quattro artisti coinvolti hanno provato a proporre delle pratiche di danza che potessero creare nuovi terreni d’incontro: «prima danza e poi pensa» è stato il motto di questa ricerca. Per Jordi Galí (Francia) è stato importante capire che qualunque esercizio tu proponga hai a che fare con un essere umano, un individuo con il quale puoi trovarti o meno. L’unica cosa che abbiamo tutti in comune è il corpo, qualcosa che ci portiamo sempre dietro, per cui è più facile che questi incontri accadono grazie al linguaggio fisico. Andrea Rampazzo (Italia) sottolinea l’importanza di avere un «facilitatore», qualcuno che faccia da ponte nel creare fiducia e comprensione reciproca. Le pratiche di danza poi richiedono tempo, come per un agricoltore che attende che i semi crescano mentre continua a prendersi cura del terreno. A proposito del concetto di tempo, Katharina Senk (Austria) ha capito il ruolo del «tempo non strutturato», di quello spazio prima e dopo una lezione dove si creano incontri e connessioni. Žak Valenta (Croazia) pone l’accento invece sulla qualità dell’informazione, sul dovere di cercare la verità pur rispettando la privacy di ognuno.
Questo viaggio nel linguaggio della danza ha dato origine ad una pubblicazione digitale curata da Monica Gillette che ha creato un glossario polifonico di 100 termini definiti da 50 autori per rendere il senso di diversità di visione e prospettiva che ogni concetto può avere. Il glossario è intervallato da articoli, interviste e grafici che raccontano l’esperienza di alcuni assistenti sociali, coreografi, autori o registi [►scarica il PDF]. E a proposito di registi, i confronti mattutini del simposio sul progetto Migrant Bodies–Moving Borders si sono conclusi con la visione del film Migrant Bodies di Max Biskup (D.ID Dance Identity): una raccolta di immagini intense, delicate ed a tratti ironiche di questi due anni di laboratori nel mondo [►guarda il TRAILER].

Tra gli altri stimolanti interventi Sangeeta Isvaran e Bita Bell hanno portato la loro esperienza di fronte ai conflitti, la censura, le gerarchie, testimoniando come la via artistica permetta di «bridge the gaps», di colmare i divari. Sangeeta Isvaran basa le sue pratiche coinvolgendo in momenti diversi il livello fisico, sensoriale, emozionale, analitico e spirituale, al fine di poter essere e vivere «senza paura», fuori dai concetti di vergogna e di giudizio. E quando si è trovata a vivere profonde ingiustizie ha imparato a resistere alla rabbia incanalandola nella positività, nello spazio dell’amore. Bita Bell – cresciuta a Teheran, studente in Ohio ed ora residente a Vienna – si sente «del posto» solo nel suo corpo. Ha imparato a resistere all’ingiustizia grazie all’esibizione artistica, «continuando a fare ciò che faccio nel luogo che ho deciso», che è uno spazio coreografico, orizzontale e democratico, dove l’Arte e la Creatività possono trasformare le nostre paure. Anche Sangeeta sottolinea il potere della danza, l’importanza di imparare e conoscere la sua grammatica, le sue regole, ma soprattutto il bisogno di esibirsi, di connettersi ad un pubblico per portare la «contemporaneità» nella società.

Il pomeriggio ha visto il divenire di svariate attività artistiche: al primo piano di Palazzo Agostinelli gli studenti del 4° anno dell’indirizzo Moda del IIS A. Scotton Breganze hanno esposto i lavori creati dalla loro raccolta di storie migranti, mentre insieme agli studenti dell’indirizzo Grafico hanno creato il logo per le magliette del progetto Migrant Bodies–Moving Borders. Al piano terra la fotografa Sara Lando ha messo invece a disposizione carta, pennelli, stampante, colle e forbici perché i visitatori creassero dei libretti con le loro storie, divertendosi e lasciando appesa una traccia della propria artisticità.
Spazio anche alla performance: la coreografa Beatrice Bresolin ha presentato la sua creazione Io e l(?)oro_donne alla ricerca dell’oro, sviluppando e condividendo un suo solo con 16 donne in costume intero; un quadrato di tessuto finemente ricamato che diventa riparo o copricapo, incorniciando ed esaltando la dignità della femminilità. La sera il dance artist Andrea Rampazzo mette in scena Just Papers, lavoro conclusivo dei workshop tenuti in questi due anni grazie alla partecipazione dell’Associazione Casa a Colori e GAGA Vicenza, e al supporto di Anna Bragagnolo. Sul palco Selamawit Biruk, Abdi Buule Mahamed, Precious Igbineweka, Lamin Sumo, insieme a Vittoria Caneva e Ilaria Marcolin, esplorano lo spazio e il ritmo cercando un battito unisono e un’area da condividere. Una connessione fragile, temporanea e carica di emozione, un abbraccio reso ancora più prezioso da lucenti fogli che rifrangono la momentanea luce della cooperazione, del supporto, della tenuta in equilibrio mentre si attendono quelle tanto bramate carte, il documento di una nuova prospettiva [►intervista]. E per liberare infine anime e corpi non poteva mancare una festa danzante, una Dance Jam Session al CSC Garage Nardini con il DJ SK Bado!

Report a cura di Lara Crippa | dance writer Migrant Bodies-Moving Borders 2017/2019

 

Tags: , , , , ,

Comments are closed.