MENU

SPECIAL CORRESPONDENT | “Dancing between points of view through...

DANCE ON DISPLAY | MM Contemporary Dance Company dancing...

9 settembre 2022 Commenti disabilitati su INTERVIEW | “Hands Up”. A conversation with Agniete Lisickinaite and Odeta Ryskute ENG/ITA Views: 115 Interviews, News, Read

INTERVIEW | “Hands Up”. A conversation with Agniete Lisickinaite and Odeta Ryskute ENG/ITA

IL TESTO ITALIANO SEGUE QUELLO INGLESE

BMotion 2022, “Hands Up” | The art of demonstration. Demonstrating dissent, demonstrating consent. Just demonstrating. Demonstrating through the body, in a public space. “Hands Up” is a performative experiment that calls upon the audience to take an operative part in the enactment and to reflect, in a shared way, upon the gesture of a demo, on its civic value, whatever standpoint is adopted. Dance as a public act, art as the bastion for civil society.

We interviewed the choreographer Agniete Lisickinaite as well as the show’s video-maker, Odeta Ryskute. They told us how and why “Hands Up” came to fruition, catapulting us into a neighbouring realm and yet one very far-removed from our own: that of Eastern European artists who are, of necessity, coming to terms with scenarios of military confrontation, with the dynamics of censorship, with the isolation felt by those living with a conflict on their doorstep. These artists have summoned us to attest their gritty and combative point of view; to confront us with the civil responsibility that making art entails; to reflect upon the relationship between art and freedom, between art and activism, between art and dissent.

 

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” by Agniete Lisickinaite. Photo by Giancarlo Ceccon

I attended your performance Hands Up for BMotion Danza 2022. To me it has been very moving, for many reasons, connected with our recent historical past. Could you tell us what’s the starting point of these work?

Agniete: It is a quite “old” project. It started in 2020 during the first lockdown, when the pandemic started. I felt quite insecure, like the rest of the world I think, and I didn’t find a way to come down. So, I remembered this old yoga practice, holding your hands up by meditating. So, I change my position a little bit. I raised my hands up and I started to keep my hands up daily for five minutes. And then I got interested in this physical position and I tried to dig deeper and I found out that this is actually a really common position in a lot of contexts like religion, social clubbing, politics, war, sports. So, I created a fifteen-minute sketch: a dance performance that I presented at a dance festival. Then, events in Belarus had started… I mean… the 2020 August 9th… [In the capital, Minsk, on the night of Sunday 9th August 2020 and continuing into the following day, police clashed aggressively with thousands of demonstrators, gathered to protest the initial presidential election results which had announced an overwhelming re-election victory for the erstwhile president Alexander Lukashenko, who had ruled the country since 1994 and has come to be regarded as “the last dictator of Europe” (Ishaan Tharoor — The Washington Post2020.08.24). Ed].

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” by Agniete Lisickinaite. Photo by Giancarlo Ceccon

I decided to perform my piece in front of the Belarusian Embassy in Vilnius, Lithuania. I got arrested. Not because I was protesting or performing but because there is a part of my performance when I take off my T-shirt. I was covering my nipples, because I know that it is illegal but the police were standing behind me and… they wanted to show their power, they locked me up, even though I behaved really well with them. They decided to bring me to the police station where they kept me locked up for four hours. They made this big drama out of it. You know… the embassy is a really fragile bubble… I got fucked about, you know! I live in a free and democratic country and I am not able to perform. I don’t mean because of the nipples…

The funny fact was that a friend of mine sent me a video from Paris on the same day. In the video there was a group of women, FEMEN, protesting in front of the Belarusian Embassy in Paris [“FEMEN is an international women’s movement of brave topless female activists painted with the slogans and crowned with flowers” according to their official website] and policemen were helping them to cross the gates. But me… I was arrested! These happened within the same European Union…! And this was the input to go on and to perform my piece again. Then I got the invitation to participate in an exhibition and so I called Odeta, because she is a video maker and I needed it filmed.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” by Agniete Lisickinaite. Photo by Giancarlo Ceccon

It struck me that the signage boards you use in the performance are double-faced. On one side we read something and on the other side we read its opposite. Why?

Because this piece is not just about a few topics, it is about protest in itself. Protesting is a sign of a democratic society. People can manifest their thoughts, their willing, their whatever in every topic and every opinion. If someone is saying for instance “Go home”, it is his opinion and he is allowed to manifest it.

The idea behind it is that every opinion has a weight. That’s the reason why I was holding them up and I am asking the audience to raise their hands up with me. If you decide to say something out loudly, you have to be responsible for what you are saying and carry it.

By the way, several sentences written on the boards were not created by me but by the participants of a workshop I led, called “How to protest”. For instance, one of the participants was an artist from Denmark. He was 65 years old. He wrote the placard: “Fuck ageism” and on the other side wrote: “Future belongs to the young”. That was his topic, because he was so tired of all the artistic projects just for young artists.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” by Agniete Lisickinaite. Photo by Giancarlo Ceccon

As both a Lithuanian and a European artist, what’s your feeling about Europe? How do you feel perceived by Western European artists? Are there some clichés in the way in which they perceive artists from Eastern Europe?

Agniete: Yes, there are some clichés in the way Europeans perceive us, especially in the dance field. I mean, being a French artist is much more privileged than being a Lithuanian one. Sure, contemporary dance in Lithuania is pretty knew and fresh, it is still growing and we don’t have such strong roots, but sometimes I feel European people don’t treat Eastern European artists like they treat the Western ones.

For example, now with all that is happening in Ukraine, we Lithuanian artists really care about it, because if Russia is going to take Ukraine we are going to be next. We are getting really angry because Western Europe is doing nothing. And I saw it yesterday during my performance: when I said “Sláva Ukrayíni!” [“Glory to Ukraine!”, a phrase spread worldwide this year in solidarity with Ukrainians after Russia’s invasion] no one reacted in the audience. No one. Usually in other European countries, even in Copenhagen, they answer: “Heróyam sláva!”. [“Glory to the heroes!”, the customary response. Ed].

Odeta: It is the same Western Europe but people seems to be so disconnected from things that are happening in the rest of Europe.

Agniete: Of course we too are not so aware about war outside Europe… but Ukraine is one of the biggest countries in Europe! If they’re gonna be fucked, then we’re gonna be fucked and you, Western Europe, are gonna be fucked too. I mean this is the relationship in which we are feeling as artists. The EU have the tools to change society and those bad habits and mentality. The EU has got the responsibility and the power and the needs and the resources to make the World a better place.

The activist Greta Thunberg had her speech in the Parliament in Strasburg. She was already well known. She knocked on her microphone and said: “Do you hear me?” and the audience replied “Yes, of course we do”. And she knocked again on the microphone and said: “Do you hear me?”, And the audience replied again: “Yes we do!”, And she said: “If you hear me, why are you not doing anything for the climate crisis?”. She was only 15 and suffers from Aspergers so everybody applauded her. But right now, I have the feeling that we have to say something but the World is not listening too. The power is in the hands of Western Europe. I know that I am exaggerating, I know my words sound a little bit tragic but it is like this. That is the reason why I am very happy to have had the chance to perform in Italy.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Your performance, contrary to what was planned, did not take place in the streets or squares of the town centre. Superimposed on your video, shown in the theatre, was a legal reference about restrictions on public demonstrations prior to elections. But yours is a performance art…!

Agniete: Yes, it is strange because protest is the subject of our performance but it is not a protest in itself, it is a performance! For us it had been quite shocking to find out, just a day before the debut, that we weren’t allowed to perform outside.

Odete: We didn’t know what to do. Imagine if in Italy something bad happens… Imagine! However bad it is, are you people not allowed to protest because of a temporary restriction? You are not allowed to protest on the streets, because you have election shortly…

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Agniete: Imagine if the streets of one of the oldest democratic countries in Europe are silent for 45 days…? This is a problem, a fucking big problem. Italians should go outside and protest against the law. I think to keep the people silent is the first step to break a democracy. The piece was supposed to take place outside, because Odeta not only had to film the audience but also random people.

Odeta: I usually film random people and their reaction to the performance. We were supposed to do the same in Bassano, aiming to document the spontaneous reactions of random people not involved in the performance, because this is the aim of the video which we would have shown at the end. We couldn’t film random people and that is a pity, not just for us but for you as an audience.

When we were rehearsing for the premiere of Hands Up, some people were looking at me oddly and I felt compelled to flip the side of my sign/board. And I thought: “Wow!”. It was such a strong feeling for myself to hold a sign outside in front of other people and it’s such a pity that you as an audience couldn’t experiment with these interactions, with the reactions of random people on the streets…

What’s your next project?

Agniete: We will see…! For sure, in my next project Odeta will not only be a cinematographer but also a collaborator. We are thinking of continuing to speak about burn-out and the climate crisis, because I think artists are really good tools: not to educate people but to spread a message, to highlight it.

 

Interview by Anna Trevisan

Cover image and photos by Giancarlo Ceccon


Mani in alto | Conversazione con Agniete Lisickinaite e Odeta Ryskute

BMotion Danza 2022, “Hands Up” | L’arte del manifestare. Manifestare il dissenso, manifestare consenso. Manifestare e basta. Manifestare attraverso il corpo, nello spazio pubblico. “Hands Up” è un esperimento performativo che chiama gli spettatori a prendere parte attiva alla performance e a riflettere in maniera condivisa sul gesto del manifestare, sul suo valore civile, qualsiasi sia la presa di posizione possibile. Per ricordarci il valore della danza come atto pubblico e il valore dell’arte come roccaforte della società civile.

Abbiamo intervistato la coreografa Agniete Lisickinaite e la video-maker dello spettacolo, Odeta Ryskute. Ci hanno raccontato di come e perché è nato “Hands Up”, catapultandoci così in un mondo contiguo eppure lontanissimo dal nostro: quello degli artisti dell’Est Europa che, giocoforza, stanno facendo i conti con scenari di guerra, con dinamiche di censura, con la solitudine di chi convive con un conflitto alle porte di casa. Queste artiste ci hanno chiamato ad ascoltare il loro grintoso e combattivo punto di vista; a confrontarci con la responsabilità civile che fare arte comporta; a riflettere sul legame tra arte e libertà, tra arte e attivismo, tra arte e dissenso.

 

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Ho visto la vostra performance “Hands Up” (“Mani in alto”) in occasione di BMotion Danza 2022. Per me è stato molto toccante, per una serie di ragioni legate alla nostra recente storia passata. Ci raccontate come è nato questo spettacolo?

Agniete: È un progetto piuttosto “vecchio”. È nato nel 2020, durante il primo lockdown, quando è cominciata la Pandemia. Ho provato un senso di insicurezza, che ha provato, immagino, anche il resto del Mondo. Non riuscivo a trovare un modo per uscirne. Così, mi sono tornate in mente delle pratiche yoga, nelle quali si devono alzare le mani per meditare. Ho cambiato un po’ la mia posizione e ho cominciato a praticare ogni giorno, tenendo le mani in alto per cinque minuti. Poco a poco, ho cominciato ad interessarmi a questa posizione, ho cercato di approfondire e ho scoperto che in effetti è una posizione diffusa in moltissimi contesti, da quello religioso a quello politico, dalla guerra allo sport o al “social clubbling”. Così ho creato uno sketch di 15 minuti, una performance di danza che ho presentato ad un festival di danza. Poi in Bielorussia è iniziato quello che sappiamo…. Mi riferisco al 9 agosto 2020…

[“Nella notte tra domenica e lunedì 10 agosto 2020 a Minsk, la capitale della Bielorussia, la polizia ha represso duramente le manifestazioni di migliaia di persone che si erano radunate per protestare contro i primi risultati annunciati per le elezioni presidenziali, che hanno annunciato una larghissima vittoria del presidente uscente Alexander Lukashenko, che governa il paese dal 1994 ed è considerato “l’ultimo dittatore d’Europa”. Fonte: Il Post. N.d.R.].

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Allora ho deciso di fare la mia performance di fronte all’Ambasciata della Bielorussia a Vilnius, in Lituania. Mi hanno arrestato. Non perché io stessi protestando o facendo una performance ma perché c’è una parte nella mia performance in cui mi tolgo la maglietta. Ho coperto il seno, perché so che è illegale ma la polizia era dietro di me e … ha voluto mostrare il proprio potere, mi ha arrestato, anche se mi sono comportata bene con i poliziotti. Hanno deciso di portarmi alla stazione di polizia dove mi hanno trattenuto in manette per quattro ore. Ne è uscito un dramma. Sai… l’ambasciata è una bolla così fragile… Sai, mi sono sentita fottuta. Vivo in un paese libero e democratico ma non posso fare una performance. E non intendo per colpa dei seni nudi…

La cosa divertente è che una mima amica proprio quel giorno mi ha inviato un video fatto a Parigi. Nel video si vede un gruppo di donne, le FEMEN, che protestano davanti all’Ambasciata Bielorussa di Parigi [Feman è un movimento internazionale di attiviste donne che usano il topless come forma di protesta con slogans sul petto e corone di fiori in testa”, citazione dal sito ufficiale, N.d.R.]. Nel video si vedono i poliziotti che le aiutano a scavalcare i cancelli. Ma io… io invece sono stata arrestata! Eppure tutto questo è successo sempre dentro ai confini dell’Unione Europea…! Questo è stato l’input che mi ha spinto ad andare avanti e a continuare a fare la mia performance. Poi è arrivato l’invito a partecipare ad una mostra e così ho chiesto ad Odeta di collaborare con me perché lei è una video-maker bravissima e mi serviva un video.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Mi ha colpito che i cartelli che usate durante la performance sono doppi: su un lato c’è scritto uno slogan e sull’altro lato lo slogan opposto. Perché?

Perché questo lavoro non riguarda una tematica precisa, o meglio: la tematica è la protesta in quanto tale. La protesta è sintomo di una società democratica. La gente è libera di manifestare i propri pensieri, le proprie richieste, qualsiasi sia la loro opinione, qualsiasi sia l’argomento.

Dietro a questo lavoro c’è l’idea che ciascuna opinione ha un peso. Questa è la ragione per cui chiedo al pubblico di partecipare e di alzare le mani insieme a me. Se si decide di dire qualcosa ad alta voce, ci si deve prendere la responsabilità di quello che si sta dicendo.

Tra l’altro, molti degli slogan sui cartelli non li ho scritti io ma i partecipanti ad un seminario che ho condotto tempo fa e che si intitolava “Come si protesta”. Ad esempio, uno dei partecipanti era un artista originario della Danimarca e aveva 65 anni. Sul cartello ha scritto: “Al diavolo l’età!”) e dall’altra parte ha scritto: “Il futuro è dei giovani”. Il tema dell’età anagrafica gli stava molto a cuore, perché non ne poteva più di tutti questi bandi e progetti rivolti esclusivamente a giovani artisti.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Sei un’artista europea originaria della Lituania. Che cosa pensi dell’Europa? Come ti senti percepita dall’Europa? Avverti dei luoghi comuni nel modo in cui gli artisti dell’Europa dell’Ovest trattano quelli dell’Europa dell’Est?

Agniete: Sì, esistono dei luoghi comuni nel modo in cui gli Europei ci percepiscono, specialmente nel campo della danza. Essere un danzatore francese è molto meglio di essere una artista lituano. Certo, è vero che la danza contemporanea in Lituania è un’arte giovane e ancora in formazione, senza radici così profonde, ma qualche volta mi sembra che gli Europei non trattino gli artisti dell’Europa dell’Est come trattano quelli dell’Europa dell’Ovest.

Ad esempio, adesso, con tutto quello che sta succedendo in Ucraina, noi artisti lituani ci stiamo preoccupando, perché se la Russia annette l’Ucraina noi saremo i prossimi. Ci stiamo cominciando ad arrabbiare con l’Europa Occidentale perché non sta facendo nulla.

Ieri durante la mia performance ho pronunciato un saluto ucraino: “Slava Ukraïni!” [“Gloria all’Ucraina!”, saluto nazionale ucraino ritornato in auge recentemente perché usato in tutto il mondo dai manifestanti in solidarietà con l’Ucraina] e tra il pubblico nessuno ha reagito. Nessuno. Di solito, invece, negli altri Paesi Europei, perfino a Copenhagen, rispondono: “Herojam slava!”. [“Gloria agli eroi!”, espressione solitamente usata per rispondere al saluto, N.d.R.].

Odeta: È sempre la stessa Unione Europea eppure la gente sembra disconnessa dai fatti che accadono nel resto dell’Unione.

Agniete: Certo, è vero, noi per primi non siamo così consapevoli delle guerre in corso fuori dall’Europa… Ma l’Ucraina è uno dei Paesi più grandi d’Europa! Se la fottono, siamo fottuti anche noi e i prossimi sarete voi Europei dell’Ovest. Ecco, questo è lo stato d’animo attuale di noi artisti dell’Europa dell’Est. Ma credo che l’Unione Europea abbia gli strumenti per cambiare la società, le cattive abitudini e la mentalità. L’Unione Europea ha la responsabilità e il potere e le risorse per fare del mondo un posto migliore.

L’attivista Greta Thunberg ha tenuto un discorso tempo fa al Parlamento di Strasburgo. Era già piuttosto nota. Prima di cominciare a parlare, ha bussato sul microfono chiedendo: “Mi sentite”. Il pubblico ha risposto: “Sì, ti sentiamo”. Ma di nuovo Greta ha bussato sul microfono chiedendo: “Mi sentite?”. E la platea ha risposto di nuovo: “Sì, ti sentiamo!”. “E allora perché non state facendo niente per la crisi climatica?”. Greta era una quindicenne che soffre della Sindrome di Asperger e tutti l’hanno applaudita. Ma ho l’impressione che anche noi adesso abbiamo il dovere di dire qualcosa, qualcosa che però il resto del mondo non vuole ascoltare. L’Europa ha il potere in mano. Forse sto esagerando, so di suonare molto drammatica, ma è così. Ecco perché sono così felice di aver avuto l’opportunità di fare la mia performance in Italia.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Anche se la vostra performance, diversamente da come era programmato, non si è svolta per le strade del centro e nelle piazze della città. Nel video che avete proiettato in teatro è comparso in sovraimpressione il riferimento legislativo a una delle restrizioni normative sulle manifestazioni pubbliche prima delle elezioni. Ma la vostra è una performance artistica…!

Agniete: Sì, è strano perché la protesta è il soggetto della performance ma la performance non è una protesta. Per noi è stato piuttosto scioccante scoprire un giorno prima del debutto che non avevano autorizzato all’aperto la performance.

Odete: Non sapevamo che cosa fare. Immagina se in Italia succedesse qualcosa di grave, di qualsiasi tipo…e la gente non fosse autorizzata a protestare per colpa di restrizioni temporanee. Immagina se la gente non fosse autorizzata a protestare per le strade e per le piazze perché stanno per esserci le elezioni….

Agniete: Immagina se le strade di una delle democrazie più antiche d’Europa restassero in silenzio per 45 giorni…Questo sarebbe un problema, un diavolo di problema! Gli Italiani dovrebbero uscire fuori per le strade e protestare contro questa legge ingiusta. Credo che imporre il silenzio alla gente sia il primo passo per demolire una democrazia. La nostra performance doveva svolgersi fuori, per le strade e in Piazza, perché Odeta doveva riprendere non solo il pubblico ma anche la gente intorno.

BMotion Danza 2022 | “Hands Up” di Agniete Lisickinaite. Foto di Giancarlo Ceccon

Odeta: Sì, di solito filmo i passanti e le loro reazioni di fronte alla performance. Avremmo dovuto fare lo stesso a Bassano, per documentare le reazioni spontanee della gente che non era coinvolta nella performance, perché questo è l’obiettivo del video che poi mostriamo alla fine. Ma non è stato possibile e questo è davvero un peccato, non per noi ma per voi pubblico.

Quando abbiamo fatto per la prima volta le prove generali di “Hands Up”, c’era della gente che mi guardava in modo strano ed io mi sono sentita obbligata a girare lato del mio cartello e ho pensato: “Wow!”. Ho provato qualcosa di così forte su me stessa tenendo in mano quel cartello davanti ad altra gente ed è un tale peccato che voi come pubblico non abbiate potuto sperimentare l’interazione con i passanti per strada e le loro reazioni…

Qual è il vostro prossimo progetto?

Vedremo…! Sicuramente nel mio prossimo progetto Odeta ci sarà e non solo come video-maker ma come vera e propria collaboratrice. Penso che continueremo a parlare di burn -out e di crisi climatica, perché gli artisti secondo me sono dei buoni strumenti: non per educare ma per diffondere un messaggio e illuminarlo.

Intervista e traduzione in lingua italiana di Anna Trevisan

Immagine di copertina e foto di Giancarlo Ceccon

Tags:

Comments are closed.