MENU

DANCE ON DISPLAY | MM Contemporary Dance Company dancing...

12 ottobre 2022 Commenti disabilitati su INTERVIEW | Giorgia Lolli. Between risk and beauty ENG/ITA Views: 231 Boarding Pass Plus, Interviews, News, Projects, Read

INTERVIEW | Giorgia Lolli. Between risk and beauty ENG/ITA

ENG | Giorgia Lolli is a young and determined Italian dancer and author who had undergone training in Switzerland and Israel. Recently, thanks to the European project Boarding Pass Plus Dance, she spent two weeks as artist in residence in Kaunas, Lithuania. This city was awarded European Capital of Culture this year and is home to two of the project’s official partners: the Con Tempo Festival and the Lithuanian Contemporary Dance Association. Here she worked together with Lithuanian artist Lina Puodžiukaitė, a Kaunas native. She had returned to her home city from further studies in the USA where she founded her own theatre and directed the Lithuanian Contemporary Dance Association. Today Lina is a teacher and associate at the Lithuanian Academy of Music and Theatre as well as the National M. K. Čiurlionis School of Art.

We met Giorgia and Lina during EDN‘s seminar for BMotion Danza 2022 and firstly asked them to give us some brief impressions of their two weeks spent in Kaunas working together.

Giorgia Lolli and Lina Puodžiukaitė. Photo by Odeta Riskute

“The good thing and the bad thing of the project is that you are thrown into the middle of things. It is a lot of input.” -Giorgia said. “What we were trying to do was knowing with each other and processing all these inputs. […] “Blind date” and “closer” were the keywords for these encounter with Lina.” Closer” is something that I missed a lot in the recent past two years. I was far away from home but I never felt so close to myself in a way.”

“I just loved to had time, to just be there and allow yourself to be there and to process with your own pace.” – Lina said. “Sit, talk, experience, take your time, find out about each other. […] . I feel like movement actually portrays me much better than language. I feel like I can’t affix one word to anything. I refuse to give only one word for things. I can’t attach one word to black even if black is black. Inside there are so many different directions at the same time that if you try to put them into language they become partially fake, partially incomplete” – she added. “Dance is my way of talking to people. I feel I can communicate through dance much deeper than through words. I can truly mean to be who I am. There are things that are hardly describable, especially on the emotional side or intangible sides” she concluded.

Then, over the next few days, we interviewed Giorgia, sitting around tables in a bustling Bassano bar. Here follows the full text of our lively chat about dance and the very concrete and lucid dreams of this artist.

 

In studio Aura Dance Theater Kaunas

What happens when two artists from different generations meet, like Lina and yourself?

There was no hierarchy for us. The work was distinctly fluid between Lina and myself. Some days the input came from me, on other days it was the reverse, and on occasion we found ourselves working “horizontally.” She studied in the USA and hails from a particular background. I, on the other hand, studied ballet from a very young age. Both of us wondered what to do with our baggage, each so diverse, and we came up with different responses. Being confronted with someone like Lina, much older than myself, took away the expectations and competitiveness which I dare say might have been triggered with a peer.

The fact that we are such disparate ages, different generations, also shifted our exchange to other planes. Furthermore, Lina disclosed some episodes of crisis in her everyday life. We ought to instigate more situations like this: “deconstructed” moments that allow artists to just stand back and observe what unfolds.

You were also in the BMotion audience when Lithuanian artist Agniete Lisickinaite premiered Hands Up. What did you think?

I had actually seen her a week earlier in Kaunas, Lithuania. There was a highly intense emotional charge there. She was turning heads in the street, perhaps in part because the signs held up were written in Lithuanian. We came to Kaunas’s main square, then along the high street. It was thronged by crowds. To be watched and watching is all part of that dynamic between spectator and performer, yet experiencing it there was… remarkably powerful.

Giorgia Lolli and Lina Puodžiukaitė. Photo by Odeta Riskute

What’s the city of Kaunas like? I can’t quite picture it.

To me it seems small, but it’s actually one of the largest cities in Lithuania. It has a quaint historic town centre, yet it’s still very much a European city, although one that hasn’t erased the traces of its recent history. In fact, the streets are festooned with Ukrainian flags. The Church raises funds for Ukraine. The residents there feel a much closer Ukrainian link than we do. I realised that we somewhat take Europe’s perpetually for granted. Europe for me has always existed, for my whole life. It has been that way for all my 26 years. However, listening to Lina’s reminiscences, born and raised before modern Europe had been established, I was struck quite acutely.

What impressed you about her stories?

For instance, Lina used to tell me that when the USSR fell [probably referencing the 1990 elections in the Baltic republics, Ed.] a dancer from her same company never made it to the rehearsals due to the fact that all the phone-lines had suddenly ceased functioning all over the country and thus no one had been able to notify her…

What did the experience of Boarding Pass Plus Dance give to you?

During Covid, I wondered what kind of utility I might have as a dancer whilst the hospitals were filled to capacity with the afflicted. I felt a state of helplessness. The same feeling of powerlessness I had when Russia invaded Ukraine. But thanks to an exchange experiences like this, I realised that dance is indeed necessary. There’s way more to Agniete’s performance than merely putting your hands in the air…!

Giorgia Lolli and Lina Puodžiukaitė while attending the EDN workshop. Photo by Hanna Kushnirenko

During BMotion you participated in Seasonality, the European Dancehouse Network (EDN) seminar held by Tyrone Isaac-Stuart and Merel Heering. What does “seasonality” conjure up for you and what has it got to do with dance?

It’s usually much easier for me to glance back and re-read the past. Instead, this seminar gave me the opportunity to look forward, to try to imagine a near future. And this was important for me because I, right now, feel that I’m in “season one.”

What do you mean by “season one”?

Season one is the phase of firsts: the first time you sign a contract with a company, the first time you create something of your own, the first time something of yours appears on stage without you, the first time I learned to separate my identity from my professional identity and the creations that I ushered into the world. I am young and my experience is fresh as well. Until now I had always felt at the mercy of things that came my way. Knowing how to recognise them seems to me to be the initial step in being able to choose.

Tyrone and Merel also urged you to reflect on the relationship between dance and spirituality by asking what you believe in and what kind of belief-system you embody or practice.

I wouldn’t say that I’m a spiritual person but I do have values, which I don’t so much exhibit in my work’s content so much as in the way I go about my projects. For example, in the quality of the relationships I establish with those I’m working with and in the choice of the type of people I’m inclined to work with.

This exercise was rather tricky for me: I realised that I couldn’t imagine my professional reality in utopian terms. I find it easier to say, “I hope the world actualises gender equality, I hope that one day some of my friends will have the same right as I do to walk down the street hand in hand.” But if I have to talk about my work, I can’t. My desires are concrete.

Vittoria Caneva and Hanna Kushnirenko in “The glitter manifesto” by Giorgia Lolli. Photo by Mario Sguotti

So let’s talk about your near future and concrete ambitions: what work is in the pipeline?

It’s called The Glitter Manifesto. Currently only two of us are developing it. We are just in the initial stages. It’s a piece in which I wanted to experiment with not being on stage. I’m seeking to explore what kind of relationship is established between those who experience a dimension of vulnerability and those with a dimension of power: the relationship between spectator and performer.

From the start I hankered to work with Vittoria Caneva. Then, in Bassano, I met Hanna Kushnirenko [Ukrainian artist, Ed.] and I thought it made a lot of sense to involve her — also due to the kind of connection she could bring emotionally to this theme. What interests me about her is that she works with multiple media, she’s a dancer yet also photographer, and photography has to do with something that remains. I mulled over how she could become this “something” on stage.

I was really fascinated by the idea of fragility that “goes around,” transforms and becomes something else. I don’t know if you’ve ever accidentally smashed a mirror or a glass and discovered that you can appreciate the beauty of that which has shattered, or of objects that are tumbling down the stairs. Sometimes it is worth stopping, it is worth looking at things from above, to recognise the relationship between risk and beauty.

Interview by Anna Trevisan

English translation by Jim Sunderland


 

ITALIANO

Giorgia Lolli è una giovane e determinata danzatrice e autrice italiana formatasi tra Svizzera e Israele. Recentemente, grazie al progetto europeo Boarding Pass Plus Dance, ha trascorso due settimane di residenza artistica in Lituania, a Kaunas, città che quest’anno è stata eletta a capitale europea della cultura e che è sede di due dei partner ufficiali del progetto: il Con Tempo Festival e la Lithuanian Contemporary Dance Association. Qui ha lavorato con l’artista lituana Lina Puodžiukaitė  –oriunda proprio di Kaunas- che dopo aver perfezionato gli studi negli USA, è tornata nella sua città d’origine, dove ha fondato un suo teatro e ha diretto la Lithuanian Contemporary Dance Association. Oggi Lina è insegnante e collaboratrice della Lithuanian Academy of Music and Theatre e della National M. K. Čiurlionis School of Art.

Abbiamo incontrato Giorgia e Lina durante il seminario di EDN per BMotion Danza 2022 chiedendo loro di giocare a consegnarci qualche veloce impressione a caldo sulle due settimane di lavoro insieme.

Giorgia Lolli and Lina Puodžiukaitė. Photo by Odeta Riskute

“La cosa positiva ma anche quella negativa del progetto è che ci siamo state lanciate in mezzo. Gli input sono stati moltissimi.” -ha detto Giorgia. “Quello che abbiamo cercato di fare è conoscerci ed elaborare questi input. […] Per me le parole chiave di questo incontro con Lina sono state: ‘appuntamento al buio’ e ‘più vicino’.  Stare ‘più vicini’ è qualcosa che mi è mancato molto in questi ultimi due anni. Lì a Kaunas ero lontana chilometri da casa mia ma non mi sono mai sentita così vicina a me stessa”- ha commentato Giorgia.

“Di questo progetto ho semplicemente amato l’aver avuto tempo, il tempo di stare insieme, il tempo di permetterci di essere noi stesse e di elaborare gli input con la nostra velocità. Sedersi, parlare, fare esperienza, prendersi del tempo, conoscersi.” – ha detto Lina. “Sento che il movimento mi ritrae molto meglio del linguaggio. Sento che non posso dare un’etichetta a qualsiasi cosa. Mi rifiuto di definire con una parola sola le cose. Non posso affibbiare una parola sola al nero anche se il nero è nero. Dentro ci sono così tante direzioni contemporaneamente che se cerchi di tradurle in parole, diventano in parte finte, incomplete. […] La danza è il mio modo di parlare con le persone.” -ha aggiunto. “Sento che attraverso la danza posso comunicare in modo molto più profondo che con le parole. Posso veramente far capire chi sono. Ci sono cose che sono difficili da descrivere, specialmente dal punto di vista emotivo e intangibile.”– ha concluso.

Nei giorni successivi, abbiamo intervistato Giorgia, sedute ai tavoli di un affollato bar cittadino. Qui per voi il testo integrale della nostra vivace chiacchierata sulla danza e sui sogni molto concreti e lucidi di questa artista.

 

 

In studio Aura Dance Theater Kaunas

Che cosa succede quando due artiste di generazioni diverse come te e Lina si incontrano?

Nel nostro caso, non c’è stata gerarchia. Tra me e Lina è stato molto fluido il lavoro. In alcuni giorni ero io a dare gli input, in altri accadeva il contrario, in altri ancora accadeva che lavorassimo in modo “orizzontale”. Lei ha studiato negli USA e ha un bagaglio di un certo tipo. Io invece ho studiato fin da piccolissima balletto. Tutte e due ci siamo chieste che cosa fare di questi bagagli, così diversi, e ci siamo date risposte diverse. Essermi confrontata con una persona come Lina, molto più vecchia di me, mi ha tolto le aspettative e la competizione che magari si sarebbe innescata con un coetaneo.

Il fatto di avere età diverse, di appartenere a generazioni diverse, ha spostato la conversazione anche su altri piani. Lina ha condiviso con me anche episodi della sua vita quotidiana in situazione di crisi. C’è bisogno di costruire più momenti come questo: momenti “decostruiti”, che permettano agli artisti di stare a vedere che cosa succede.

C’eri anche tu tra il pubblico di BMotion alla prima dello spettacolo “Hands Up” dell’artista lituana Agniete Lisickinaite. Che cosa ne pensi?

In realtà lo avevo già visto una settimana prima in Lituania, a Kaunas. Lì c’era una carica emotiva molto forte. Per le strade le persone si giravano a guardare, forse anche perché i cartelli tenuti in mano dai performer erano scritti in lituano. Siamo arrivati nella piazza principale di Kaunas e poi lungo la via dello shopping. Era pieno di persone. Essere guardati e guardare è parte della dinamica tra spettatore e performer ma sperimentarlo lì è stato…molto forte.

Giorgia Lolli and Lina Puodžiukaitė. Photo by Odeta Riskute

Com’è la città di Kaunas? Non riesco a immaginarla.

A me sembra piccola, ma è una delle città più grandi della Lituania. Ha un bel centro storico ma è una città europea, anche se non ha dimenticato la propria storia recente. Infatti, le strade sono piene di bandiere ucraine. La chiesa raccoglie fondi per l’Ucraina. Gli abitanti sentono l’Ucraina molto più vicina di quanto la sentiamo noi. Mi sono resa conto che noi diamo un po’ per scontato l’esistenza dell’Europa. L’Europa per me esiste da sempre, da quando sono nata. È 26 anni che è sempre stato così per me. Il fatto di ascoltare i racconti di Lina, invece, che è nata e cresciuta quando ancora l’Europa non c’era, per me è stato molto forte.

Che cosa ti ha colpito di quei racconti?

Ad esempio, Lina mi raccontava che quando è caduta l’URSS [probabile riferimento alle elezioni del 1990 tenutesi nelle repubbliche baltiche, N.d.R.] una ballerina della compagnia con cui lei allora danzava non è mai arrivata alle prove dello spettacolo, perché improvvisamente avevano smesso di funzionare i telefoni in tutto il Paese e nessuno era riuscito ad avvisarla…

Che cosa ti ha dato l’esperienza di Boarding Pass Plus Dance?

Durante il Covid mi chiedevo che tipo di utilità posso avere io, come danzatrice, mentre gli ospedali fuori erano pieni di malati. Ho provato una sensazione di impotenza. La stessa sensazione di impotenza che ho provato quando la Russia ha invaso l’Ucraina. Ma grazie ad esperienze di scambio come questa, mi sono resa conto che la danza serve. Nello spettacolo di Agniete c’è molto più di un semplice gesto, non si tratta solo di mettere le mani in alto…!

Giorgia Lolli and Lina Puodžiukaitė while attending the EDN workshop. Photo by Hanna Kushnirenko

Durante BMotion hai partecipato a “Seasonality”, il seminario di EDN-European Dancehouse Network condotto da Tyrone Isaac Stuart e Merel Heering. Che cos’è per te la “stagionalità” e che cosa centra con la danza?

Di solito per me è molto più semplice guardarmi indietro e rileggere il passato. Invece questo seminario mi ha dato l’opportunità di guardare avanti, di provare a immaginare un futuro prossimo. E questo per me è stato importante perché io, in questo momento, mi sento nella “stagione uno”.

Che cosa intendi con “stagione uno”?

La stagione uno è la stagione delle prime volte: la prima volta che firmi un contratto con una compagnia, la prima volta che crei qualcosa di tuo, la prima volta che qualcosa di tuo va in scena senza di te, la prima volta che ho imparato a separare la mia identità dalla mia identità professionale e dalle cose che metto nel mondo. Sono giovane e anche la mia esperienza lo è. Finora mi ero sempre sentita alla mercé delle cose che mi arrivavano. Saperle riconoscere mi sembra il primo passo per poter scegliere.

Tyrone e Merel vi hanno sollecitato a riflettere anche sulla relazione tra danza e spiritualità, chiedendovi in che cosa credete e quale sistema di credenze incarnate e/o praticate?

Io non sono una persona molto spirituale ma ho dei valori, che cerco di portare non tanto nei contenuti dei miei lavori ma nel modo in cui lavoro. Ad esempio, nella qualità delle relazioni che instauro con le persone con le quali lavoro e nella scelta del tipo di persone con le quali lavoro.

Questo esercizio per me è stato molto difficile: mi sono resa conto di non riuscire ad immaginare in termini utopici la mia realtà professionale. Mi viene più facile dire: “Spero che il mondo sia gender equality, spero che un giorno alcuni miei amici abbiano lo stesso diritto che io di camminare per strada ano nella mano”. Ma se devo parlare del mio lavoro non ci riesco. Ho dei sogni concreti.

Vittoria Caneva and Hanna Kushnirenko in “The glitter manifesto” by Giorgia Lolli. Photo by Mario Sguotti

Allora parliamo del tuo futuro prossimo e dei tuoi progetti concreti: che lavoro hai in cantiere?

Si chiama “The glitter manifesto”. Al momento stiamo studiando due soli. Siamo solo agli inizi. È un lavoro in cui volevo sperimentare di non essere in scena. Volevo esplorare che tipo di relazione si instaura tra chi vive una dimensione di vulnerabilità e una dimensione di potere: la relazione tra spettatore e performer.

Fin dall’inizio volevo lavorare con Vittoria Caneva. Poi, a Bassano, ho conosciuto Hanna Kushnirenko [artista ucraina, N.d.R.]. Ho pensato che avesse molto senso coinvolgerla, anche per il tipo di legame che emotivamente lei poteva avere con questo tema. Di lei mi interessa il fatto che lavora con più media, perché è danzatrice ma anche fotografa e la fotografia ha a che fare con qualche cosa che rimane. Mi sono chiesta come potesse diventare questo “qualcosa” in scena.

Mi affascinava molto l’idea della fragilità che “fa il giro”, si trasforma e diventa un’altra cosa. Non so se ti è mai capitato di rompere per sbaglio uno specchio o un bicchiere e di accorgerti che si può apprezzare la bellezza anche delle cose in frantumi, delle cose che stanno rotolando giù dalle scale.

A volte vale la pena fermarsi, vale la pena guardare le cose dall’alto, per scoprire la relazione tra rischio e bellezza.

Intervista di Anna Trevisan

Tags: ,

Comments are closed.