MENU
dance companion

#dancecompanion | «West End» by Chiara Frigo

Mini B.Motion 2016 & the colors of dance |...

3 settembre 2016 Commenti disabilitati su In depth | Looking for Romeo’s Heart. Interview with Dario Tortorelli Views: 1759 In depth, Interviews, News, Read

In depth | Looking for Romeo’s Heart. Interview with Dario Tortorelli

For the italian version, please read below. | La versione in italiano è disponibile nella seconda parte dell’articolo.

July 28th, 2016 | D NO BODY installed, Musei Civici di Bassano del Grappa, BMotion – Operaestate Festival Veneto 

A pair of glasses are required to plunge into the world of Dario Tortorelli. The participants ascend the stairway entrance to the museum auditorium in an orderly fashion wearing black sunglasses, conveying a summer air, the seaside, a ‘50s feel, when 3D movies would fill cinemas. The messianic poetic vision is declared at the outset, because the vision is the promise that the artist will leave us with those glasses; the vision is the signature left with this fetish object scattered all over the floor. The vestibule on the first floor houses the refectory of the Observant Franciscan Friars (Refettorio dei frati francescani osservanti) and a motorcyclist with black crash-helmet beckons us to follow him into the sixteenth-century hall, where Jacopo Bassano’s portrait of a military commander hangs. The performer dances to David Bowie with her back to us, facing the painting of that Magnificent Warrior. For a moment I think I catch them dancing together, herself with the knight. Everything is possible. After all, Duchamp really did give Mona Lisa that moustache.

Here is my interview with the choreographer.

D NO BODY. Courtesy by Dario Tortorelli

D NO BODY. Courtesy of Dario Tortorelli

D NO BODY installed: what is it? A show, a performance, an installation?

It is an “installed” performance, which is part of a series called Solo, all linked to the evolution of the Romeo Heart character.

Who is Romeo Heart, for those who don’t yet know about him?

He is a character born out of my alter ego, and then ended up becoming the character that encompasses everything, because through him I convey my ideas, my moods, for instance my inspirations drawn from the world of cinema, music, and I invited others to interpret him. The character emerged slowly, it wasn’t premeditated. It came a little by little, I think the idea/desire that you have when you’re a child is to have magical powers, of being a pop star… I drew from there to build him up.

Initially it was me who played the character. Then, I “expanded”, enabling him to be interpreted even by other bodies; professional dancers, dance students, singers…, in order to convey the idea that we can all be Romeo Heart, that Romeo Heart belongs to everyone. In these past two years I have also worked with groups of non-professional dancers, such as in ArMare un Uomo, and it was a revelation to me. Now, I decided to go back to Solo.

You mentioned previously that this performance was born for a theatre space, then “installing” it in a museum’s auditorium must have been quite a challenge. Because usually your work focuses heavily on the construction of scene, lighting, etc., and your aesthetics are meticulously attentive to the final result of the scenographic vision with an almost cinematic sensibility.

Yes, in fact this performance came through study, as a result of researching the D NO BODY series. But now I want to install this series in many different places, because for me Romeo Heart is a type of contemporary knight errant, a bit pop star, a bit idol, always wearing black shades.

Why does Romeo Heart always wear sunglasses?

I introduced sunglasses as a form of protection from the outside world. A kind of armour to hide the performer’s emotions, to conceal his insecurity.

D NO BODY. Courtesy by Dario Tortorelli

D NO BODY. Courtesy of Dario Tortorelli

Is he or isn’t he a hero?

No, I don’t think he’s a hero. Rather he’s someone who could help you fight, fight against your insecurities. This is why I like referring to him as a knight. Not a medieval knight but a contemporary one, with sunglasses, motorbike helmet, and eccentric garb with metallic colours that evoke the gleam of armour.

What about “cosmonaut pop”?

Yes, why not.

There’s something in him to do with “space” in the literal sense of the word: there is something that makes me think of stars, the cosmos…

Yes, yes, exactly, even with his movement; slow, circular, the character wants to elicit this sense of infinity and infinite space. And then there’s the objects he uses: sunglasses, the crash-helmet… all elements that erase identity and that raise a question. That’s because my Romeo Heart is a bit like The Enigma, the comic-book superhero, his head in the shape of a question mark.

Romeo is the name of Shakespeare’s character, a cat in The Aristocats (Italian version), of…?

…A piece of music I really like and I also used as a soundtrack in the first performance. It’s an “electro-melodic” track, by an Italo-Canadian musician who I don’t know much about.

The word “electro-melodic”, couldn’t that also sum up your creations?

Yes, I like it. Because in my work there is an electronic side, with qualities that suggest disco. Yet there’s also a melodic and romantic side, which is the heart of Romeo, and that gives the name to the character. And then there’s the letter “D” in D NO BODY. “D” for “The“ as well as “Dimension“ and “Dance”.

D NO BODY. Courtesy by Dario Tortorelli

D NO BODY. Courtesy of Dario Tortorelli

“D” for Dario…!

Sure. It’s no coincidence that my company is called Dive in D. But D also stands for David Bowie and David Lynch, huge inspirational sources for my work.

Ziggy Stardust springs to mind…?

Yes. But my character is transformed slowly: he is never fixed.

Who will be the next Romeo Heart? Do you have an idea already?

So far I have created three chapters of the series and the performance that I have presented here in Bassano is a synthesis. In 2017 I will premiere D NO BODY No. 5 here in Bassano for the European Pivot Dance project. But the number five of the series will not be as concrete, because what I’m looking for is the dissolution of the body image. I want to dispel images into something more… abstract. I will work with a visual artist, with an artist of space and light, with a painter and a pianist, and probably with an artist who creates holograms. In fact we have experimented with holograms before but I’m not sure if I will use them because we want to fashion a show that can be put on anywhere. We’ll see.

And number four?

There isn’t one — skipped.

Why? For luck? Are you superstitious?

There just isn’t one and that’s that. I like the number five. Five as in the five senses, for instance…

To hear you talk about your dance also makes me think of science fiction, with the insistent idea of ​​transformation, an identity that inhabits and lives on in other bodies…

D NO BODY 07Well, I don’t know. My intention with this performance in particular is ostensibly inspired by pop culture, Andy Warhol and David Bowie, specifically the music of Bowie. There is a transformation underway in the performance, founded upon minimal movements, through to the transformation of genders, until the final transformation into a pop star and showman.

Three words for your D NO BODY installed at Bassano?

Landed, installed, transformed.

by Anna Trevisan

D NO BODY installed
Choreography by Dario Tortorelli
Performer: Adi Amit
Produced by DIVEinD in collaboration with Conny Janssen Danst, WArd/waRD – Ann Van den Broek
 
 

LEGGI QUI IL TESTO IN ITALIANO:

28 Luglio 2016 | D NO BODY installed, Musei Civici di Bassano del Grappa, BMotion – Operaestate Festival

Per immergersi nel mondo di Dario Tortorelli servono gli occhiali. Il pubblico sale disciplinato le scale d’ingresso al salone del museo con indosso degli occhiali da sole neri, che danno a tutti un’aria estiva e un po’ balneare, rispolverando un’atmosfera anni ’50, quando il cinema in 3D riempiva le sale. La poetica messianica della visione è dichiarata fin da subito, perché la visione è la promessa che l’artista ci consegna con quegli occhiali; la visione è la firma lasciata con questo oggetto feticcio disseminato quasi ovunque per terra. Il vestibolo del primo piano ospita il Refettorio dei frati francescani osservanti e un motociclista con casco nero che ci fa segno di seguirlo nel salone cinquecentesco, dove campeggia il Ritratto di uomo in armi di Jacopo Bassano. La perfomer danza David Bowie dandoci le spalle, rivolta verso il dipinto del magnifico guerriero. Per un attimo credo di vederli ballare insieme, lei e il guerriero. Tutto è possibile. In fondo, i baffi a Monnalisa Duchamp li disegnò per davvero.

Qui la mia intervista al coreografo.

D NO BODY 06D NO BODY installed: che cos’è? Uno spettacolo, una performance, un’installazione?

É una performance “installata”, che fa parte di una serie di Solo, tutti legati all’evoluzione del personaggio di Romeo Heart.

Chi è Romeo Heart, per chi ancora non lo conosce?

È un personaggio nato come mio alter ego, e che poi ha finito per diventare personaggio di tutti, perché in lui ho convogliato le mie idee, i miei stati d’animo, le mie fonti di ispirazione attinte dal mondo del cinema per esempio, e della musica, e ho invitato altri ad interpretarlo. Il personaggio è nato pian piano, non è stato qualcosa di premeditato. È arrivato un po’ alla volta, credo dall’idea/desiderio che si ha quando si è bambini di avere poteri magici, di essere una pop star… Ho attinto da lì per costruirlo.

Inizialmente ero io ad interpretare il personaggio. Poi, l’ho “espanso”, facendolo interpretare anche da altri corpi: danzatori professionisti, studenti di danza, cantanti, con l’obiettivo di trasmettere l’idea che tutti possiamo essere Romeo Heart, che Romeo Heart è di tutti. In questi due anni ho lavorato anche con gruppi di danzatori non professionisti, come ad esempio in ArMare un Uomo, ed è stato una rivelazione, anche per me. Adesso, ho deciso di ritornare al Solo.

D NO BODY. Courtesy by Dario Tortorelli

D NO BODY. Courtesy of Dario Tortorelli

Questa performance -dicevi prima- è nata per uno spazio teatrale, quindi “installarla” nella sala di un museo dev’essere stata una bella sfida. Anche perché solitamente il tuo lavoro si concentra molto sulla costruzione della scena, delle luci, e la tua ricerca estetica è meticolosamente attenta al risultato finale dell’ immagine scenica, con una sensibilità quasi cinematografica.

Sì, in effetti questa performance è nata in uno studio, come risultato di una ricerca sulla serie D NO BODY. Ma ora questa serie voglio installarla in tanti posti diversi, perché Romeo Heart per me è una sorta di cavaliere errante contemporaneo, un po’ pop star, un po’ icona, con indosso sempre gli occhiali neri da sole.

Perché Romeo Heart porta sempre gli occhiali da sole?

Gli occhiali da sole li ho introdotti come forma di protezione dal mondo esterno. Sono una sorta di corazza, per nascondere le emozioni del performer, per nascondere la sua insicurezza.

È un eroe? Oppure no?

No, penso che non sia un eroe. È piuttosto qualcuno che ti può aiutare a combattere. A combattere le tue insicurezze. Per questo mi piace parlarne come di un cavaliere. Non di un cavaliere medioevale ma contemporaneo, con gli occhiali da sole, il casco da motocicletta, e un abbigliamento eccentrico, con colori metallici che ricordano il luccichio delle armature.

D NO BODY. Courtesy by Dario Tortorelli

D NO BODY. Courtesy of Dario Tortorelli

Che cosa ne dici di “cosmonauta pop”?

Sì, perché no.

In lui c’è qualcosa di “spaziale”, nel senso letterale del termine: c’è qualcosa che mi fa pensare alle stelle, allo spazio…

Sì, sì, esattamente. È come se anche con il suo movimento, lento, circolare, il personaggio volesse ricordare questo senso di infinità e di spazio infinito. E poi gli oggetti che usa: gli occhiali da sole, il casco da motocicletta … sono tutti elementi che cancellano l’identità e che fanno nascere una domanda. Perché il mio Romeo Heart è un po’ come Enigma, il personaggio di quel fumetto, con la testa a forma di punto interrogativo.

Romeo è il nome di un personaggio di Shakespeare, di un gatto dei cartoons, di…?

… di un brano musicale che mi piace molto e che ho anche usato come colonna sonora nella prima performance. È un brano “elettro-melodico”, di un musicista italo-canadese, del quale non so molto.

La parola “elettro-melodico” si potrebbe usare anche per le tue creazioni?

Sì. Mi piace. Perché nei miei lavori c’è un lato elettronico, con atmosfere che fanno pensare alla discoteca, ma c’è anche un lato melodico e romantico, che è poi il cuore di Romeo, e che ha dato il nome al personaggio. E poi c’è la lettera “D” di D NO BODY. “D” come “The”, come “dimension”, come “dance”.

“D” come Dario…!

Certo. Non a caso la mia compagnia si chiama Dive in D. Ma la D sta anche per David Bowie e David Lynch, grandissime fonti di ispirazione per il mio lavoro.

D NO BODY. Courtesy by Dario Tortorelli

D NO BODY. Courtesy of Dario Tortorelli

Mi viene in mente Ziggy Sturdust …?

Sì. Il mio personaggio però si trasforma, piano piano: non è mai lo stesso.

Chi sarà il prossimo Romeo Heart? Hai già un’idea?

Finora ho creato tre capitoli della serie e la performance che ho proposto qui a Bassano ne è una sintesi. Nel 2017 presenterò D NO BODY n°5 proprio a Bassano per il progetto europeo Pivot Dance, in prima assoluta. Ma la rappresentazione numero cinque della serie non sarà più così concreta, perché quello che sto cercando è la dissoluzione dell’immagine, del corpo. Voglio dissolvere le immagini in qualche cosa di più … astratto. Collaborerò con un artista visivo, con un artista di spazio e luce, con una pittrice e con un pianista, e probabilmente con artista che crea ologrammi. Infatti abbiamo fatto anche esperimenti con gli ologrammi ma non so se li utilizzerò perché vogliamo creare uno spettacolo esportabile ovunque. Vedremo.

E il numero quattro?

Non c’è. Lo salto.

Perché? Per scaramanzia? Sei superstizioso …?

Non c’è e basta. Il numero cinque mi piace. Cinque come cinque sensi, ad esempio…

A sentirti parlare la tua danza mi fa pensare anche a qualche cosa che sa di fantascienza, con quest’idea insistita di trasformazione, di identità che vive e sopravvive in altri corpi…

Mah, non so. Nelle mie intenzioni questa performance in particolare è dichiaratamente ispirato alla cultura pop di Andy Warhol e David Bowie, a partire dalle musiche, che sono appunto di Bowie. C’è una trasformazione in atto sulla scena, che nasce da movimenti minimali, passando per la trasformazione di generi, fino alla trasformazione finale in pop-star e show man.

Tre parole per questo tuo D NO BODY bassanese?

Atterrato, installato, trasformato.

Anna Trevisan

D NO BODY
Operaestate Festival, B.Motion Danza 2016, Musei Civici di Bassano del Grappa
Coroegrafia: Dario Tortorelli
Interprete: Adi Amit
Produzione: DIVEinD
In co-produzione con Conny Janssen Danst, WArd/waRD – Ann Van den Broek
 
  • READ MORE ABOUT DARIO TORTORELLI HERE

 

 

Tags: , , , , ,

Comments are closed.