MENU
pablo leyton

#dancecompanion2017 | «Stabat Mater» di Pablo Tapia Leyton e...

Mini B Motion 2017 Feedback | “Don’t be frightened...

3 settembre 2017 Commenti disabilitati su In depth – Approfondimento | “Don’t be frightened of turning the page” by Alessandro Sciarroni Views: 594 In depth, News, Reviews

In depth – Approfondimento | “Don’t be frightened of turning the page” by Alessandro Sciarroni

Il testo originale in italiano è disponibile di seguito a quello inglese | 

In order to enter the Civic Museum’s Jacopo Da Ponte Gallery, to see Alessandro Sciarroni’s performance, we must first cross the scenographic ‘vestibule’ of the Upper Octagon, where we encounter Antonio Canova’s sculpture Hebe. She is headless and missing both hands, yet this ‘Mutilated Muse’ — the title of the temporary exhibition centring around her — upholds a grace, ardour and surprising dynamism all of her own. Perhaps because, under the folds that skirts her legs, the goddess seems to be stepping in to dance. Some fragments of the statue that survived the bombs are kept nearby in glass jars, next to old fascist propaganda posters decrying ‘allied barbarianism’. In this period when the town is mourning the death of one of it’s young citizens, murdered in the recent Barcellona terrorist attack, it seems fitting to be welcomed by her: Hebe mutilated, the goddess of eternal youth. The vision of Hebe and her injuries somehow pre-conditions us for the show that we are about to witness, a short-circuiting of vision and premonition, past and present predicaments. New meta-meanings issue forth, novel intersections of connotation, original contaminations, fresh interpretations given life by the venture some fact that the Civic Museum, with its paintings and its works of art, has turned itself into a house of dance.

The floor is marked-out by geometric lines of white adhesive tape: a square inside which a smaller square is inscribed. Sciarroni consumes the line that links the corners of the two areas, until his steps are reduced to a single point, which becomes the pivot-point of rotation. Indeed, he starts to turn, steadily and incessantly, like a whirling dervish, with hands extended out, in silence. Drops of ethereal music descend over him as he raises his hands in a sign of surrender, yet his rotation continues as if in a dynamic meditation which he shares with the audience. His bearded face radiates an ongoing serenity and causes us to wonder what he sees that we can not. Then we discern a growing harshness about the gesture. Arm movements turn him into a combatant, an explorer who is able to perceive that which we are blind to. Hand and arms are turned towards his face, directing his spiralling head upwards. The hand becomes an arrow, curving to slice the air. The music grows into a coarse cluster of sounds. His arm strokes his neckline and slowly moves over his shoulder, with his hand bisecting infinite lines, sundering invisible angles.

The arm is held upward and he turns into an assertive condottiero. Then he returns it perpendicular to his torso and engages with a force-field that we don’t see but feel. He turns his palms upward, releasing energy. Then he extends one arm so his palm becomes a mirror for his face. In this hybridised dance tour of the Orient it seems as if a ballerina spins en pointe upon a carillon musical box that then turns into a gleaming star in the middle of the universe. Infinite sounds accompany the invisible line of force that plays between the stars, held by Sciarroni’s warm and serene hands, a shaman, a spiritualist, a visionary. There is an infinite angle that opens into the gallery, an infinity that connects us all and envelops us all and tells us of bright beauty. With eastern gesticulation energy is conducted between his arms, gravitational currents are held in balance, becomes channel and vector, a medium of force and a natural yet ethereal sublimity. Shiva enraged, Aries with smoking nostrils, he raises an arm and points two fingers at us as if aiming a pistol. But immediately that gesture is reinstalled into dance and the energy returns to the centre: his body, the unique and continuous fulcrum of rotation. The hand over his cranium musters itself and presses the energy inside his body, under his skin, into his organs, down into his cells. Then, the energy expands itself again between his arms but now he appears tiny, dispersed, exhausted. His body begins to run down and he comes back to ‘the here and now’. Inexhaustibly the spinning continues, unwinding, as if he were coming in to land, relocating body with spirit. We feel the energy plunging to the floor, going underground. His arms sound like empty tubes gyrating. The rite is over. There is a smile on his face. He opens his eyes, drawing in his arms, disarming them as he does so in the air. The orbit of rotation expands to a larger circuit. He wipes away the audience’s tension, we can breath again. Then he performs a free and powerful accelerating whirl, in an ultimate gesture of infinite transference. He bows to the public, as if to offer: “Take it, it’s for you, and you, and you. I surrender. Don’t fight”.

Operaestate Festival | AUGUST 27, 2017, Museo Civico di Bassano del Grappa 
DON'T BE FRIGHTENED OF TURNING THE PAGE
Choreography: Alessandro Sciarroni 
Performer: Alessandro Sciarroni 
Music: Paolo Persia

Credits photo: Roberto Cinconze/Operaestate
  • "Don't be frightened of turning the page"by Alessandro Sciarroni, Museo Civico Bassano. Photo by Roberto Cinconze/Operaestate
  • "Don't be frightened of turning the page"by Alessandro Sciarroni, Museo Civico Bassano. Photo by Roberto Cinconze/Operaestate
  • "Don't be frightened of turning the page"by Alessandro Sciarroni, Museo Civico Bassano. Photo by Roberto Cinconze/Operaestate
  • "Don't be frightened of turning the page"by Alessandro Sciarroni, Museo Civico Bassano. Photo by Roberto Cinconze/Operaestate
  • "Don't be frightened of turning the page"by Alessandro Sciarroni, Museo Civico Bassano. Photo by Roberto Cinconze/Operaestate

TESTO ORIGINALE IN ITALIANO

Per poter entrare nella sala dapontiana del Museo, ad assistere allo spettacolo di Alessandro Sciarroni, dobbiamo prima attraversare lo scenografico “vestibolo” dell’ottagono superiore, dove ad accoglierci troviamo la statua canoviana di Ebe. È una scultura acefala e senza braccia. Eppure, questa “Musa mutilata” –come recita anche il titolo della mostra temporanea a lei dedicata- conserva una grazia, una vivezza e una dinamicità sorprendenti. Forse perché, sotto l’ampio panneggio che le avvolge le gambe, la Dea sembra incedere a passo di danza. Nelle teche di vetro collocate intorno sono custoditi alcuni frammenti sopravvissuti ai bombardamenti. In giorni in cui la Città è listata a lutto per la morte di un giovane concittadino, fa un certo effetto essere accolti proprio da lei: Ebe mutilata, dea dell’eterna giovinezza. La visione di Ebe e delle sue ferite condiziona, nostro e suo malgrado, la pre-comprensione dello spettacolo al quale stiamo per assistere, in un cortocircuito della visione e della pre-visione, del tempo presente e del passato, che creano un nuovo, impensato meta-significato, nuove intersezioni di senso, nuove contaminazioni, nuove interpretazioni, rese possibili dal fatto avventuroso che il Museo Civico, con i suoi quadri e le sue opere d’arte, è diventato una casa della danza.

Il pavimento è contrassegnato da una geometria bianca di scotch: un quadrato nel quale è inscritto un quadrato più piccolo. Sciarroni consuma di passi la linea che congiunge gli angoli delle due superfici, fino a ridurre la camminata ad un solo punto, che si fa perno della rotazione. Inizia infatti a girare, a ritmo costante e incessante, come un derviscio rotante, con le mani allargate, nel silenzio. Gocce di musica eterea cadono su di lui, mentre alza le mani, come in segno di resa e la sua rotazione continua, come meditazione dinamica condivisa con il pubblico. Il suo volto barbuto effonde una serenità contagiosa e ci fa chiedere che cosa vede che noi non vediamo. Poi assistiamo ad un inasprimento del gesto. I movimenti delle braccia lo trasformano in soldato, in esploratore che avvista qualche cosa che noi non vediamo. Braccio e mano si rivolgono verso il viso, conducendo il capo in una spiralatura che si inanella verso l’alto. La mano diventa freccia, poi curva che fende l’aria in rotazione. La musica diventa un folto grappolo sonoro. Il braccio strozza la linea del collo e lentamente si sposta sopra la spalla, con la mano che si fa bisettrice di linee infinite, spezzando angoli invisibili.

Il braccio si tende in alto e lo trasforma in condottiero assertivo. Poi ritorna perpendicolare al busto e si aggancia ad una forza che noi non vediamo ma sentiamo. Rivolge il palmo verso l’alto e sprigiona, libera energia. Poi il palmo segue il braccio e si fa specchio del volto. In questa danza tournee ibridata d’Oriente affiora la ballerina che gira sulle punte sopra la scatola di un carillon che poi si trasforma in astro lucente in mezzo all’Universo. Suoni d’infinito accompagnano l’invisibile linea di forza che gioca tra le stelle, trattenuta dalle mani calde e serene di Sciarroni, sciamano, medium, visionario. C’è un angolo d’infinito che si apre nella sala, un infinito che ci allaccia tutti e ci avviluppa tutti e ci racconta luminoso la Bellezza. Con gesti orientali conduce l’energia tra le sue braccia, accoglie correnti gravitazionali, si fa canale e vettore, medium di una forza e di una bellezza naturali e ultraterrene. Shiva arrabbiato, ariete dalle narici fumanti, alza un braccio e punta verso di noi le dita come fossero una pistola. Ma subito il gesto ritorna danza e l’energia ritorna al centro: il suo corpo, perno unico e continuo della rotazione. La mano sopra il capo concentra e spinge l’energia dentro l’organismo, sotto la pelle, negli organi, nelle cellule. Poi, torna ad espandersi tra le sue braccia ma ormai è tenue, dispersa, esaurita. Il suo corpo si avvia allo spegnimento e al ritorno al “qui e ora”. Continua inesausto a compiere la stessa rotazione eppure è come se compisse un atterraggio, e riallacciasse il corpo allo spirito. L’energia la sentiamo precipitare in fondo alla terra, sotto il pavimento. Le sue braccia sono sonanti e vuote come tubi. Il rito è finito. Ritorna un sorriso sul suo volto. Apre gli occhi, raccoglie le braccia. Le disarma nell’aria. Apre l’orbita di rotazione a un circuito più grande. Spazza via la paura dal pubblico, gli pulisce il respiro. Compie un’accelerazione libera e potente della rotazione, in un trasmissione infinita del gesto. Si inchina verso il pubblico, come in segno di offerta: “Prendetene, è per voi, per voi, per voi. Mi arrendo. Non combattete”.

Anna Trevisan

Operaestate Festival | 27 Agosto 2017, Museo Civico di Bassano del Grappa
DON'T BE FRIGHTENED OF TURNING THE PAGE
Coreografia: Alessandro Sciarroni
Danzatore: Alessandro Sciarroni
Musica: Paolo Persia

Foto di Roberto Cinconze/Operaestate

 

Tags: , , , , , , ,

Comments are closed.