MENU

Dancing Museums: on the way to a multi-inclusive space

#dancecompanion | «Stabat Mater» by Giorgia Nardin

17 settembre 2016 Commenti disabilitati su #dancecompanion | «Stabat Mater» by Yoko Higashino Views: 1579 Dance Companion, News

#dancecompanion | «Stabat Mater» by Yoko Higashino

Cos’è #dancecompanion?

Una nuova iniziativa dedicata al pubblico della danza, sviluppatasi nell’ambito del progetto europeo Pivot Dance e in collaborazione con il corso triennale del Balletto di Roma: 14 giovani danzatori sono diventati speciali accompagnatori nelle giornate di #bmotion2016, invitando gli spettatori ad assistere insieme alle rappresentazioni di danza in programma e a discutere e condividere le rispettive impressioni subito dopo gli spettacoli. Gli stessi accompagnatori sono stati chiamati anche a riflettere, in veste di artisti, sugli spettacoli e darne un feedback sul nostro blog attraverso la creazione di un profilo dello spettatore, che riflette il punto di vista dello spettatore, e un profilo del danzatore che rifletta più il punto di vista di come un artista usufruisce lo spettacolo.

2016-09-12-photo-00000022

 

«STABAT MATER» di YOKO HIGASHINO | 25-26-27 AGOSTO 2016 @Oratorio Cà Erizzo – Bassano 

Profilo spettatore

Un turbinio di frasi coreografiche incastonate in uno scenario solennemente cupo. La nascita, la vita, la morte: lo spettatore legge in chiave drammatica lo «Stabat Mater» di Yoko Higashino, rimanendo impressionato dalla scenografia evocativa. Lo affascinano la fisicità e la gestualità tipiche della cultura orientale. E la musica, antica e misteriosa, che lo ha accompagnato senza pause lungo tutta la performance, lascia allo spettatore una forte senso di piacere.

Profilo danzatore – spettatore

Descrivi il lavoro in tre parole |  Illustrativo, caleidoscopico, saturo.
Che sensazione ti è rimasta alla fine dello spettacolo? | Alla fine dello spettacolo rimane una sensazione di forza e solitudine.
Se avessi la possibilità di confrontarti con il coreografo e/o i danzatori cosa chiederesti? |  Cosa ha ispirato la scelta e la disposizione degli oggetti scenografici?
Qual è il punto di forza dello spettacolo? |  Sicuramente la fisicità e la drammaturgia suggestive dell’artista.

 


(English version)

What is #dancecompanion?

A new way to involve the dance audience inside of the european project  Pivot Dance and in collaboration withe the three-years contemporary  dance course of Balletto di Roma: 14 young dancers became special “companion” during #bmotion2016, inviting the audience to see the show together with one fo them and to discuss about it at the end. The companion also gave us a personal feedback on the shows from the point of view of the dancers/artist.

 

«STABAT MATER» by YOKO HIGASHINO | 25-26-27th August 2016 @Oratorio Cà Erizzo – Bassano 

Viewer Profile

A whirlwind of choreographic phrases nestled in a solemnly gloomy scenery. The birth, the life, the death:Stabat Mater by Yoko Higashino offer a dramatic key to interpretation to the audience, impressioned by the evocative scenography. He is fascinated by the phisicity and gestuality, both tipical of the oriental culture. The music, ancient and misterious, which has compained him through the whole performance, with no stop, give to the spectator a huge sense of pleasure.

Dancer-viewer profile

Describe the performance in 3 words | Explanatory, kaleidoscopic, full.
Which sensation lasted in you after the vision of the show? | Strength and loneliness.
If  you had the possibility to have a discussion with the choreographer and / or dancers, what would you ask? | What inspired you in choosing the scenographic objects?
In your opinion, what is the strong element of this show ? | The artist’s suggestive fisicity and dramaturgy.

Dance Companion:  Vittoria Caneva e Yuri 

Stabat Mater Higashino

 

READ MORE:

Tags: , , , , , ,

Comments are closed.